Magazine

10 Serie TV Inglesi da guardare su Netflix

Redazione

Sei alla ricerca di Serie TV Inglesi per migliorare il tuo accento British? O più semplicemente sei un fan delle produzioni del Regno Unito? Qualsiasi sia la tua motivazione, ecco 10 Serie TV Inglesi da guardare su Netflix

 

Dopo avervi parlato delle migliori Serie TV per imparare lo spagnolo e delle Serie TV tedesche più popolari, oggi vogliamo parlarvi di 10 Serie TV Inglesi da guardare su Netflix.

 

 

1. Bodyguard

 

Il nuovo dramma più popolare del Regno Unito è un  thriller poliziesco interpretato da Richard Madden di Game of Thrones. Il protagonista David Budd (Madden) è un veterano militare diventato ufficiale di polizia, incaricato di proteggere un politico di alto profilo durante un periodo particolarmente difficile.

 

Ci sono un sacco di suspense e azione che ti terranno attaccato allo schermo, insieme alla performance vulnerabile di Madden. Affogando la spavalderia del re del Nord, l’attore interpreta un uomo in conflitto con il suo passato e il suo attuale dovere nei confronti del suo paese.

 

 

2. Sherlock 

 

Tra le serie TV inglesi degli ultimi anni, questa rientra certamente tra le più apprezzate dai fan. In un mondo pieno zeppo di iterazioni di Sherlock Holmes, Sherlock riesce a distinguersi, grazie anche al fascino sorprendente di Benedict Cumberbatch, al pazzo e stravagante Moriarty di Andrew Scott, e alla sceneggiatura serrata che riempie i suoi dieci mini-film di 90 minuti.

 

Nonostante la trama familiare – Holmes e Watson risolvono un caso irrisolvibile con un sacco di battute e alzate di occhi al cielo – ogni episodio continua a invogliare gli spettatori a indovinare, a ridere e forse a sentirsi un po’ lenti per non aver dedotto la soluzione tanto in fretta. Sherlock riesce ancora a raccontare storie criminali complesse e dare nuova vita al personaggio di 130 anni, sempre facendo l’occhiolino a Sir Arthur Conan Doyle.

 

 

3. Lovesick

 

C’è una ragione per cui molte persone non hanno visto o sentito parlare di questa serie TV inglese, e non solo per il suo nome originale. Lovesick non è un dramedy rivoluzionario, ma funziona a causa della sua narrazione non lineare e del suo ritratto realistico di quella zona grigia imbarazzante che si può formare tra l’amore e l’amicizia.

 

Dopo che Dylan viene a sapere di avere malattia sessualmente trasmissibile, è costretto a spargere la voce della diagnosi ai suoi precedenti partner sessuali. Ogni episodio è quindi un frammento della vita di Dylan insieme a quelle dei suoi due migliori amici, Luke ed Evie (interpretata da Antonia Thomas, un volto familiare per i fan di Misfits).

 

Attraverso la cronaca del passato sessuale di Dylan, Lovesick descrive i sentimenti mutevoli tra Dylan ed Evie. È una semplice commedia romantica dipinta in modo rinfrescante, con una miscela uniforme di commedia, cuore e clamidia.

 

 

4. Black Mirror

 

Se ancora non conosci Black Mirror, preparati. Stiamo parlando di una delle Serie TV inglesi più scioccanti e per questo popolari degli ultimi anni. Definire Black Mirror “desolante” è un eufemismo, ma è questo che rende l’antologia di fantascienza così affascinante.

 

In ogni episodio ci vengono proposte delle visioni del futuro o del futuro prossimo in cui lo sviluppo della nostra tecnologia succhia-attenzione e succhia-anima è sfuggito al nostro controllo. Alcuni episodi potrebbero essere più realisticamente realizzabili di altri, ma ogni storia è agghiacciante a suo modo e ti fa venire voglia di abbassare lo schermo del tuo computer.

 

Potrebbe sembrare controproducente per Netflix produrre episodi per uno spettacolo che offre sguardi cupi alla tecnologia, ma forse è per questo che le stagioni prodotte da Netflix hanno alcuni finali più lieti. Le forti idee del creatore della serie Charlie Brooker potrebbero dissolvere ogni speranza che ti è rimasta per il futuro o  per l’umanità, ma nel modo più accattivante possibile.

 

 

5. The End of the F***ing World

 

The End of the F *** ing World è una commedia dark-black basata sulla serie a fumetti di Charles S. Forsman su James (Alex Lawther), un 17enne disturbato che crede di essere uno psicopatico, e la sua nascente relazione alla Bonnie & Clyde con Alyssa (Jessica Barden), una compagna di classe danneggiata da una famiglia disfunzionale.

 

Scritta da Charlie Covell e diretta da Jonathan Entwistle e Lucy Tcherniak, la serie tv inglese racconta di due adolescenti profondamente travagliati e misantropi che trovano conforto l’uno nell’altro e che sono disposti, se necessario, a commettere crimini per mantenere la loro relazione. Dotato di una colonna sonora stellare, di magnifiche performance recitative e di una durata che invoglia a guardare una puntata dietro l’altra, The End of the F *** ing World è una serie squisitamente divertente, ma è anche profondamente romantica, in modo doloroso.

 

 

6. Luther

 

Luther è una serie tv inglese firmata BBC.  Crudele dramma criminale, Luther si concentra sul cupo e rabbioso John Luther (Idris Elba), un detective di Londra la cui passione e rabbia a volte hanno la meglio su di lui mentre lavora a casi quasi impossibili da risolvere.

 

Mentre il creatore della serie Neil Cross ha trovato ispirazione in Sherlock Holmes e Colombo per il personaggio principale, il ruolo prende vita grazie alle interpretazioni appassionate di Elba.

 

 

7. Broadchurch

 

Un giovane ragazzo viene trovato morto in una cittadina apparentemente idilliaca, e gli investigatori incaricati di risolvere il caso vengono continuamente sorpresi da quello che scoprono, un colpo di scena dietro l’altro, nel rintracciare l’assassino. Nonostante la sua premessa familiare (alla Twin Peaks o The Killing), Broadchurch fa affidamento sul suo cast corale – in particolare l’impeccabile David Tennant e Olivia Colman – per mantenere gli spettatori coinvolti anche dopo che ogni falsa pista viene esclusa.

 

La prima serie è incentrata sulla caccia all’omicida, mentre la seconda riguarda sia il processo del sospettato sia un caso riaperto dal passato, ma in nessuno dei due casi diminuisce l’intrigo. Un piccolo avvertimento, però: questa non è una di quelle serie tv che puoi divorare una puntata dopo puntata, anche se lo vorresti. Può diventare pesante ed emotivamente estenuante, e lo streaming sfrenato rovina l’atmosfera misteriosa della serie.

 

 

8. Peaky Blinders

 

Molto più della serie tv inglese Boardwalk Empire, questa serie della BBC dà a Cillian Murphy il ruolo protagonista di cui nessuno sapeva di aver bisogno di Tommy Shelby, capo dei Peaky Blinders e del suo clan familiare. Ambientato nell’Inghilterra del primo dopoguerra, Shelby guida la sua banda mentre acquistano sempre più potere e sfuggono allo scrupoloso C.I. Chester Campbell (Sam Neill). Murphy riesce benissimo nel ruolo di capo che vuole sporcarsi le mani in prima linea.

 

 

9. The IT Crowd

 

Un’altra commedia classica del creatore Graham Lineham, la serie tv inglese The IT Crowd ha gettato una luce su quei salvatori di ogni ufficio spesso ignorati, il dipartimento IT, e sui manager sfigati che lavorano sopra di loro. La serie prende vita grazie al suo umorismo ridicolo in cui, tutto sommato, è facile riconoscersi e dal suo accattivante tech team.

 

 

10. Happy Valley

 

Una sergente della polizia un po’ burbera (Sarah Lancashire) nel nord dell’Inghilterra cerca di sbrogliare una serie sempre più complicata e violenta di crimini, tutti derivati dal rapimento di una giovane donna. Man mano che ogni tassello viene messo al suo posto, la protagonista Catherine Cawood lotta per fare giustizia a sua figlia che è morta anni prima e per prendersi cura del figlio che le è rimasto.

 

Mentre la serie segue trame già viste un sacco di volte – il rapimento andato storto, un killer che prende di mira delle prostitute – le interpretazioni della Lancashire al comando della polizia sono più che accattivanti. Il suo ritratto dell’ufficiale di polizia molto imperfetto, ma che non scende a compromessi, ha fatto guadagnare alla Lancashire diverse nomination ai BAFTA e una vittoria.

 

 

 

Fonte: UPROXX

  • 
  •