Magazine

Cosa vedere a Pisa: le attrazioni e i monumenti da non perdere

Cosa vedere a Pisa
Redazione


Tutti conoscono la torre, ma non molti sanno cosa vedere a Pisa oltre a questa attrazione famosa in tutto il mondo.

Questa guida ti aiuterà a esplorare le bellezze della città toscana in tutto il loro splendore!

Abbiamo stilato una lista di cosa vedere a Pisa in dieci punti senza i quali non potrete dire di esserci stati davvero.

Gambe in spalla, si parte alla scoperta di una delle città più belle della Toscana!


Piazza dei Miracoli

La Piazza dei Miracoli, Patrimonio dell’Umanità UNESCO, vanta alcune delle architetture più impressionanti di Pisa, con segreti nascosti risalenti all’era medievale.

Il nome Piazza dei Miracoli è stato coniato dal poeta Gabriele d’Annunzio.

Fin dai tempi degli Etruschi, le tre strutture che si trovano nella piazza sono state considerate centrali per la vita religiosa, simboleggiando le tappe principali della vita umana.

Il Battistero rappresenta la nascita, la Cattedrale di Santa Maria Assunta la vita e il Camposanto allude alla morte.



La Certosa di Calci

La Certosa dista circa 10 km dalla città di Pisa e un tempo rientrava nel comune della città.

Il nome “certosa” in italiano significa certosino, deriva dalle montagne della Certosa in Francia dove si trova il monastero capo dell’ordine.

La Certosa di Calci fu profondamente rinnovata nel 1500 e divenne la magnifica residenza barocca che possiamo ammirare oggi, ricca di affreschi, marmi sontuosi, delicati stucchi ed arredi preziosi.

Attualmente ospita il Museo di storia naturale dell’Università di Pisa, che comprende collezioni paleontologiche, mineralogiche e zoologiche.


Cosa vedere a Pisa: Il Camposanto Monumentale

Il Cimitero è l’ultimo monumento di Piazza del Duomo, il suo lungo muro marmoreo fiancheggia il confine settentrionale e ne completa la forma. Fu fondata nel 1277.

Qui sono sepolti molti personaggi famosi, tra cui Leonardo Fibonacci.

Il Camposanto fu bombardato dagli americani durante la seconda guerra mondiale, e venne in seguito ricostruito nella forma che è possibile vedere oggi.

Si dice che il cimitero fu costruito sulla terra trasportata nel XIII secolo da un arcivescovo dalla Terra Santa.



Battistero di San Giovanni

Cosa vedere a Pisa battistero

Il Battistero di San Giovanni fu fondato il 15 agosto 1152. È qui che si amministra il Sacramento del Battesimo e il cristiano intraprende il cammino della Fede.

Il motivo per cui fu costruito un edificio così affascinante ed enigmatico fu sicuramente il desiderio di dotare la cattedrale di un degno complemento.

Un Battistero che per posizione, dimensioni, materiali e stile, fosse in armonia con il maestoso edificio che già stava di fronte.

Trovandosi in Piazza dei Miracoli aspettatevi di trovare una grande quantità di turisti e di dover fare lunghe file per entrare a visitarlo.


Casa Natale di Galileo Galilei

Cosa vedere a Pisa Galileo Galilei

Per gli amanti della scienza è possibile anche andare a vedere la casa dov’è nato il celeberrimo Galileo Galilei il 15 febbraio 1564.

Sul muro esterno della casa c’è la targa che la designa come Casa Ammannati (cognome da nubile della madre).

E’ un omaggio a una delle più grandi menti della storia dell’umanità, che ha dato incredibili contributi scientifici in astronomia, ingegneria, fisica e matematica.

Per il suo lavoro rivoluzionario (in quanto si parla di rivoluzione galileiana) non c’è da stupirsi che sia stato spesso considerato “il padre della scienza”.


Cosa vedere a Pisa: Chiesa di Santa Maria della Spina

Prende il nome dal frammento della corona di spine che era conservato al suo interno, anche se nessuno sa se la reliquia fosse realmente originale.

Costruita nell’elegante stile gotico pisano intorno al 1230 dalla famiglia Gualandi, subì numerose riparazioni e i lavori proseguirono a tratti fino al 1875.

Infatti nel 1871 si decide di smantellare e ricostruire la chiesa più lontano dal bordo dell’Arno, che causava continui smottamenti del terreno sul quale era costruita.

L’interno è più semplice rispetto alla parete esterna dell’edificio, e ospita quotidianamente opere storiche e collezioni d’arte aperte al pubblico.


Palazzo dell’Orologio

L’edificio medievale fu sede del Capitano del Popolo nel XIV secolo, quando apparteneva alla famiglia Gualandi.

Il palazzo inglobava anche la famosa torre della Muda (o della Fame) dove nel 1289 il conte Ugolino, accusato di tradimento, fu rinchiuso insieme ai figli e ai nipoti e lasciato morire di fame.

Questo episodio fu poi utilizzato da Dante nella sua Divina Commedia. Il profilo della torre è ancora riconoscibile a sinistra dell’arco centrale.

Attualmente il palazzo e le torri ospitano la libreria dell’Università di Pisa.


Domus Mazziniana

Il museo è dedicato alla vita di Giuseppe Mazzini, una delle figure-chiave dei movimenti risorgimentali, che morì qui nel 1872.

Il pensiero politico e filosofico di Mazzini fu importante non solo per l’unificazione del Paese, ma per lo sviluppo della democrazia repubblicana in Europa.

Il museo conserva molte sue lettere, documenti e fotografie e alcuni reperti legati al periodo.

La vasta biblioteca conserva più di quarantamila libri, per lo più legati alla storia e l’arte risorgimentali.


Cosa vedere a Pisa: Duomo di Pisa

Questo grandioso capolavoro di stile romanico-pisano fu iniziato nell’anno 1063 dal grande architetto Buschetto.

Si tratta quindi della prima opera realizzata nel luogo divenuto poi “Piazza dei Miracoli”. Ciò fu possibile per l’enorme ricchezza accumulata dalla potente Repubblica Marinara che allora era Pisa.

La Cattedrale fu consacrata nell’anno 1118, anche se ancora incompleta, da papa Gelasio II. Fu terminato nel XIII secolo, con l’erezione della facciata, immutata fino ad oggi, ad opera di Rainaldo.

Per godere di tutta la maestosità del tempio vi consigliamo di fermarvi sotto la facciata della cattedrale. Da qui la vista è totale e il suo effetto è tale da trasmettere un profondo senso di meraviglia.


Torre di Pisa

Cosa vedere a pisa torre di pisa

E infine veniamo alla celeberrima Torre di Pisa, che è il campanile della Cattedrale di Santa Maria Assunta in Piazza del Duomo.

I lavori per la sua costruzione iniziarono nel 1173 e ci vollero due secoli per arrivare alla sua inaugurazione nel 1373, in quanto furono numerosi i problemi di cedevolezza del terreno su cui era fondata.

Tale cedevolezza è la causa della caratteristica pendenza della torre, che si cercò di livellare costruendo sui primi tre piani originari, altri piani con pendenza opposta a quella della torre.

La torre è alta 55,86 metri sul lato più basso e 56,70 metri sul lato più alto


Se ti è piaciuto questo articolo potrebbero interessarti anche:

11 città magiche da vedere almeno una volta nella vita
Assisi: cosa vedere con i bambini?
Cosa vedere in Islanda
Cosa vedere in Norvegia: una guida vichinga
Curiosità sulla Svezia