Magazine

I migliori cantanti ciechi nella storia della musica

cantanti ciechi ray charles
Redazione

I cantanti ciechi, dai più famosi come Ray Charles e Stevie Wonder o il nostro Andrea Bocelli, fino a quelli meno noti, hanno dato un grande contributo alla storia della musica.

 

 

Si può pensare che, data la loro mancanza di vista, queste persone abbiano cercato nella musica e nel canto qualcosa che riempisse le loro vite, ma in realtà è il loro talento immenso che ha reso le nostre vite migliori.

 

 

  • Ray Charles

 

Ray Charles è nato con una vista perfetta, ma ha iniziato a perderla all’età di 5 anni, diventando completamente cieco a 7.

 

Il suo talento e le sue abilità musicali erano così evidenti a tutti, che molti lo chiamavano semplicemente “Il genio“; addirittura Frank Sinatra ha dichiarato che Ray Charles era “l’unico vero genio nello show business.”

 

Ray Charles rimane senza dubbio il più famoso e straordinario tra i cantanti ciechi di tutti i tempi.

 

 

  • Stevie Wonder

 

Nato come Stevland Hardway Judkins il 13 maggio 1950, Stevie Wonder è uno degli artisti di maggior successo del XX secolo in assoluto: cantante, musicista, compositore e produttore.

 

Stevie era un bambino prodigio, in grado non solo di cantare e scrivere canzoni, ma anche di suonare una grande varietà di strumenti. E’ diventato cieco subito dopo la nascita, a causa di alcuni problemi in gestazione e del parto prematuro di 6 settimane.

 

Durante la sua carriera Stevie Wonder ha inciso oltre 30 canzoni che hanno raggiungo la Top Ten negli Stati Uniti ed ha ricevuto 25 Grammy, vendendo complessivamente più di 100 milioni di dischi in tutto il mondo.

 

 

  • Andrea Bocelli

 

Andrea Bocelli è sicuramente un motivo di orgoglio nazionale e un simbolo della cultura italiana nel mondo.

 

Nato con un glaucoma congenito, una malattia rara che l’ha reso cieco all’età di 12 anni, la sua voce è stata descritta da molti artisti e critici come una delle più belle del mondo, tanto che Celine Dion ha detto: “Se Dio avesse una voce da cantante, sarebbe molto simile a quella di  Andrea Bocelli.”

 

 

LEGGI ANCHE: Cantanti Inglesi: i migliori e più famosi cantautori britannici

 

 

  • Jeff Healey

 

Jeff Healey è un’icona della musica canadese; nato il 25 marzo nel 1966, da bambino ha sofferto di un retinoblastoma diventando cieco.

 

Ha avuto la sua prima chitarra a 3 anni e, da quell’età, ha sviluppato uno stile unico nel suonarla: Jeff posizionava la chitarra  orizzontalmente sulle ginocchia come una Lap Steel (o chitarra hawaiana).

 

 

  • The Five Blind Boys of Alabama

 

I Blind Boys of Alabama sono un quintetto gospel americano di cantanti ciechi. In attività dal 1939, hanno suonato in tutto il mondo per otto decenni, producendo un’amplissima discografia e vincendo 5 Grammy.

 

I Blind Boys of Alabama cantano principalmente canzoni con tematiche spirituali e di incoraggiamento alle persone con disabilità.

 

Ricky McKinnie una volta ha detto “La nostra disabilità non deve essere un handicap. Non è questione di cosa non puoi fare, ma di cosa fai”.

 

 

  • José Feliciano

 

Nato nell’isola di Puerto Rico, Feliciano è stato cieco sin dalla nascita ed è una leggenda della musica latino-americana.

E’ famoso per alcune hit che includono cover dei The Doors, e il singolo natalizio “Feliz Navidad.”

 

 

  • William Samuel McTier

 

Chiamato comunemente con il nome “Blind Willie Mctell” e nato il 5 maggio 1898, suonava la sua chitarra a 12 corde con uno stile fluido e sincopato conosciuto come Piedmont blues, di cui è considerato uno dei massimi esponenti.

 

E’ nato cieco da un solo occhio per poi perdere la vista anche nell’altro durante l’infanzia.

 

 

  • Nobuyuki Tsuji

 

Nobuyuki Tsuji non è un cantante, bensì un pianista cieco, ma ci sembra importante includere in questa lista uno dei musicisti più talentuosi del mondo che ha perso il dono della vista.

Dall’età di soli 10 anni si era già esibito alla Century Orchestra di Osaka, e a  12 aveva già affrontato il suo saggio di fronte alla prestigiosa accademia.

 

 

  • 
  •