Magazine

Cosa fare nella vita? Guida pratica per trovare una risposta

Cosa fare nella vita - Bambino vestito da supereroe
Redazione

Vivere non è facile, capire come vivere lo è ancor meno. Normale, per molti, chiedersi tutti i giorni cosa fare nella vita. In questo articolo imparerai a porti le domande giuste per imboccare la tua strada verso la felicità

 

Cosa fare nella vita? Domanda semplice quanto letale, dubbio banale quanto destabilizzante.

 

In questo articolo non troverai una risposta, ma tante domande da porti per iniziare a intuire la direzione che dovrebbe prendere la tua vita. (Se sei un diplomato e cerchi risposte immediate, però, potrebbe tornarti utile la nostra guida su cosa fare dopo il liceo)

 

Continua a leggere: sicuramente ne uscirai con qualche nuovo spunto per riuscire finalmente a imbrigliare la tua esistenza.

 

 

Cosa fare nella vita – Primi passi

 

Semaforo verde

 

1 – Cosa mi ha portato dove sono oggi?

Questa domanda ti aiuterà a capire:

  • A cosa tieni e perché ci tieni (il tuo scopo)
  • In cosa eccelli e cosa invece potresti migliorare (le tue abilità)
  • Cosa ti piace fare (i tuoi interessi)

 

Ripercorri con la mente le pietre miliari, le relazioni amorose, le amicizie, i lavori e in genere le esperienze che ti hanno portato ad essere ciò che sei oggi.

 

Pensa alle materie scolastiche: in quali eccelli/eccellevi? Quali ti mettono/mettevano in difficoltà? Pratichi o praticavi attività all’infuori dall’orario scolastico? Quali ti piacciono/ti piacevano di più? Quali sono gli accadimenti che ti hanno cambiato, dando forma alla persona che oggi sei?

 

Considera tutti questi punti mentre rispondi alla prima domanda, poi prova a collegare i puntini. Cerca di individuare uno schema, un percorso, un filo rosso che potrebbe guidare il tuo prossimo passo nella vita.

 

Chiediti: Cos’è che voglio continuare a fare? Cosa dovrei fare diversamente? Cosa devo imparare? Ci sono possibilità future che, dopo uno sguardo superficiale, non avevo considerato?

 

2 – Qual è il lavoro che ho sempre immaginato di fare? Perché?

Questa domanda ti aiuterà a capire:

  • Perché stai facendo ciò che stai facendo della tua vita
  • SE dovresti fare o meno ciò che stai facendo della tua vita

 

Che aspettative hai per il tuo futuro? E gli altri (genitori, parenti, amici, ecc.) cosa si aspettano da te?

Scrivi la risposta cercando di capire perché tu e gli altri avete tali aspettative: da dove sono scaturite?

 

Un esempio. Tuo padre potrebbe volere che tu diventi un dottore perché si tratta di un lavoro sicuro e ben retribuito, desiderando per te il meglio. È importante capire la ragione soggiacente, ma se non vuoi seguire la strada imposta da tuo padre, prima o poi dovrai farglielo capire.

 

Il problema è il Mostro del Dovrei che rimbalza nelle nostre teste: “Dovrei studiare giurisprudenza”, “Dovrei diventare medico”, “Dovrei mettere su famiglia”.

 

Il pericolo è non esplorare mai Perché Dovrei? fare determinate cose. Il che è sicuramente un ottimo modo di preparare il momento in cui, a quarant’anni, ti sveglierai dicendo: “Ma aspetta un attimo… Io odio ciò che sto facendo!”

 

 

Cerca la tua strada

 

Viaggio, on the road

 

3 – Che cosa voglio?

Questa domanda ti aiuterà a capire:

  • Di quanti soldi hai bisogno
  • Dove vuoi vivere
  • In che tipo di casa vorresti vivere
  • Quali esperienze e quali cose credi ti renderanno felice

 

Scrivi una lista di ciò che vuoi dalla vita, includendo i beni materiali – se desideri un’esistenza semplice e frugale, tanto meglio! Ma non dimenticare niente, neppure sogni e desideri più reconditi.

 

4 – Come voglio passare le mie giornate?

Questa domanda ti aiuterà a capire:

  • Quali sono le carriere lavorative che dovresti prendere in considerazione
  • Come goderti il percorso verso l’ottenimento di ciò che desideri

 

Questa domanda gioca un ruolo cruciale nel viaggio per trovare la felicità, ma spesso viene posta in secondo piano, o addirittura non viene considerata.

 

La questione è la seguente: esiste una strada – un viaggio – da percorrere per ottenere ciò che vuoi. Ma non si tratta di un viaggio a breve termine, non di un anno, non di dieci. Il percorso verso la felicità dura tutta la vita, quindi è bene amare ciò che devi fare per raggiungere il tuo obiettivo; la vera fine giunge solo con l’ultimo respiro: non ha senso che il lungo viaggio sia impregnato di sacrifici e sofferenza.

 

A prescindere dal percorso che scegli di intraprendere – e non importa quanto punti in alto – ci saranno senz’altro moltissimi ostacoli e cose-da-fare-che-proprio-non-vuoi-fare-ma-che-devi-fare per raggiungere la pentola d’oro in fondo all’arcobaleno.

 

Forse, una domanda più corretta potrebbe essere: Quale tipo di dolore sono disposto a sopportare nella mia vita? Per cosa voglio combattere?

 

Chiediti: Voglio avere tempo per famiglia e amici? Voglio lavorare molto o poco? Come voglio trascorrere il mio tempo? Voglio lavorare in un ufficio o da casa?

 

Se non ti poni queste domande, potresti prendere la direzione sbagliata, quella che sembra più semplice e intuitiva.

 

Potresti, ad esempio, scegliere la carriera dell’avvocato perché per te i soldi sono importanti, e trovarti ad odiare lo stile di vita dell’avvocato!

 

5 – C’è un ambito che mi interessa in cui ci so fare?

Questa domanda ti aiuterà a capire:

  • Le tue skill/competenze
  • Le tue passioni
  • Le carriere che potresti provare (magari con uno stage)

 

Noi di Scambieuropei facciamo del nostro meglio per aiutarti a partire, trovare lavoro, fare esperienze di studio o tirocinio in Italia e all’estero. Perché non dai un’occhiata a queste imperdibili opportunità? Sicuramente troverai qualcosa che fa a caso tuo!

 

Se incontri difficoltà nel cercare di capire in cosa ci sai fare, prova a chiedere a chi ti conosce: amici, parenti, insegnanti, ecc.

 

 

Trova le tue priorità

 

Tre amici

 

6. Quali sono i tipi di persone che preferisco?

Questa domanda ti aiuterà a capire:

  • Con che tipo di persone lavori al meglio
  • Con che tipo di persone non dovresti avere a che fare

 

Pensa a tutte le persone con cui hai dovuto lavorare fino ad ora: compagni di classe, insegnanti, datori di lavoro, ecc. Chi ti fa o faceva andare ai pazzi?

 

Non c’è bisogno di scrivere i nomi… Piuttosto, cerca di capire cosa di queste persone ti irrita così tanto. Una volta isolate le caratteristiche comuni, risulterà più facile evitare contesti lavorativi e sociali nei quali non ti senti a tuo agio.

 

7. Quali sono le cose a cui do più importanza? In che ordine?

Questa domanda ti aiuterà a capire:

  • Che direzione deve prendere la tua vita
  • Dove dovresti andare a lavorare

 

Nel momento in cui scegli la direzione che deve prendere la tua vita è fondamentale stabilire le priorità, decidere cosa è più importante per te.

 

Magari sogni di lavorare in una startup. Ti arriva un’offerta di lavoro e il salario è inferiore rispetto a quanto vorresti, ma il tuo spirito imprenditoriale è attratto dalle possibilità di crescita che avresti ricoprendo il ruolo offerto. Metti in primo piano l’esperienza o il denaro?

 

Oppure potresti dover decidere tra due lavori. Scegli quello che combacia con i tuoi interessi, ma che occupa dodici ore al giorno, oppure quello meno-ideale, che però lascia più spazio alla tua vita privata?

 

Non c’è una risposta giusta o sbagliata. Il punto è riuscire non solo a capire in che cosa credi, ma anche a comprendere in quale ordine ci credi.

 

Immagina il tuo futuro

 

Cosa fare nella vita - Bambino vestito da supereroe

 

8. Cosa voglio fare prima di morire?

Cos’è che, al crepuscolo dei tuoi giorni, ti farà dire “Non ho rimpianti”?

 

Fai una lista in cui scrivi davvero ogni cosa che vuoi fare prima di morire. Non importano i perché e i percome, scrivi tutto quello che ti passa per la testa.

 

Se hai bisogno di ispirazione, potresti prendere spunto da questo articolo.

 

Fai con calma, non avere fretta. Una volta speso abbastanza tempo a fare brainstorming e a sviluppare una lista corposa, dividila in tre categorie:

  • Cose che richiedono l’acquisizione di una competenza
  • Cose che posso fare immediatamente
  • Obiettivi che richiedono del tempo

 

Per prima cosa, passa in rassegna le cose-che-richiedono-competenza e segnati le skill che devi sviluppare per raggiungere ogni singolo obiettivo. In seguito, configura un piano di azione specifico per ottenere tali competenze.

 

In secondo luogo, decidi quali saranno le cose-immediate dalle quali vuoi iniziare.

 

Infine, prendi le cose-che-richiedono-tempo. Immagina di essere sul letto di morte e non averne portata a termine nessuna: quali sono gli obiettivi e i sogni non perseguiti che ti fanno sentire di aver sprecato il tuo tempo sulla Terra? Rispondi a questa domanda e avrai capito le tue vere priorità, la tua direzione.

 

Sii paziente: c’è tempo

 

Ragazza distesa sul prato

 

Crescere può essere difficile. La vita in sé è un qualcosa di complicato. Chi dichiara il contrario è semplicemente un bugiardo.

 

Di certo, l’essere umano ha poco a che vedere con un albero o con una montagna o con una stella, immobili e immutabili. Abbiamo bisogno di una direzione verso cui tendere, un obiettivo, una finalità; trovare cosa fare nella vita, dare un senso alla nostra permanenza, cercare di cogliere i segnali dell’universo.

 

Di nuovo: la strada verso la felicità non è facile. Non è veloce. Non è battuta e non è sicura. Va percorsa con calma, un passo alla volta, cercando di non farsi sopraffare dalle difficoltà, imparare dagli errori.

 

Siamo abituati a volere tutto e subito. Grazie a Internet, riusciamo effettivamente ad ottenere moltissime cose in pochissimo tempo: notizie, indicazioni stradali, canzoni da ascoltare, informazioni sulla battaglia di Waterloo, gossip sulla situazione sentimentale della nostra ultima fiamma…

 

In definitiva, siamo bambini viziati che vorrebbero forzare le stesse leggi della natura e raggiungere la felicità in uno schiocco di dita.

Vogliamo raggiungere i nostri sogni senza il minimo sforzo.

Vediamo al fallimento con soffocante senso d’ansia, un terribile spreco di tempo.

 

Ma non deve essere per forza così. Dopotutto, per usare le parole di Elsa Morante, è solo un gioco.

 

PURE SE CI FA TREMARE

PER GLI SPASIMI E LA PAURA,

TUTTO QUESTO,

IN SOSTANZA E VERITÀ,

NON È NIENT’ALTRO

CHE UN GIOCO.

(La canzone della forca, Il mondo salvato dai ragazzini)

 

E non dimenticare: di tanto in tanto, trova il coraggio di respirare forte e concediti una pausa: c’è tempo.

 

 


Fonte: Lauren Holliday, The Vector Impact

  • 
  •