Magazine

Vivere con una famiglia ospitante all’estero: 12 cose da fare e non fare

Redazione

Hai deciso di vivere in una famiglia mentre studi all’estero… ed è un po’ spaventoso pensare che vivrai nella casa di qualcun altro. Non preoccuparti: ci sono molti più motivi per essere eccitati che nervosi per la tua prossima esperienza in famiglia!

 

I programmi in famiglia sono un modo favoloso per immergersi in una cultura diversa, gustare la cucina locale fatta in casa e imparare una lingua straniera. Studierai e costruirai il tuo curriculum accademico di giorno e amplierai le tue conoscenze culturali di notte.

 

La verità è che vivere con le famiglie ospitanti può richiedere un po’ di tempo per adattarsi, inizialmente. Tra incidenti linguistici, abitudini diverse, climi non familiari e periodi di nostalgia, potresti scoprire che adattarti è più difficile del previsto. Ma se hai ponderato i vantaggi e gli svantaggi di scegliere una famiglia durante gli studi all’estero e stai pianificando di fare il grande passo, ecco come prepararti per l’eccitante viaggio che ti aspetta.

 

Cosa fare durante il tuo soggiorno all’estero in famiglia

Visto che stai vivendo in casa di qualcun altro, in un altro paese, è probabile che le cose verranno fatte in modo diverso rispetto a casa tua. Tuttavia, se sei in grado di collaborare, rispettare e scendere a compromessi con la tua famiglia ospitante durante il tuo soggiorno, tutto dovrebbe andare liscio.

 

 

1) Fai sapere quali sono i tuoi bisogni

Compila con cura la tua candidatura quando richiedi un alloggio in famiglia. Mentre potrebbe essere allettante dipingersi come super flessibile e allegro, ti pentirai di non essere più onesto. Le restrizioni dietetiche, le allergie e le preferenze per gli animali domestici sono cose importanti da menzionare nella domanda. Più comunichi con l’organizzazione, più saranno attrezzati per abbinarti a una famiglia ospitante adatta.

 

 

2) Discuti delle regole della casa durante i primi giorni

Le cose ti sembreranno travolgenti nei primi giorni del tuo programma di studio all’estero. Scoprirai le lezioni e il curriculum e probabilmente ti perderai due o tre volte quando tornerai a casa. Tuttavia, è importante orientarsi nel caos e assicurarsi di comprendere le regole e le aspettative della propria famiglia ospitante.

Scopri se hai un coprifuoco, a che ora vengono serviti i pasti e le regole sul fumo e sull’alcol. Puoi servirti liberamente del cibo della loro cucina o dovrai preparare i tuoi pasti? La comunicazione è fondamentale.

 

 

3) Unisciti alla tua famiglia per i pasti

La maggior parte dei programmi di studio all’estero ti darà la possibilità di includere i pasti nella tua famiglia. Resisti all’impulso di nasconderti nella tua stanza per l’intero semestre e unisciti alla tua famiglia ospitante per almeno un pasto al giorno. Imparerai di più sulla loro cultura e rispetterai i costumi familiari. Inoltre, il tempo che si passa a tavola è il momento perfetto per praticare la lingua locale. Ti sentirai parte della famiglia in pochissimo tempo!

 

4) Porta un regalo per la tua famiglia ospitante

Mentre stai preparando i tuoi migliori abiti per i prossimi mesi di studio all’estero, non dimenticare di portare un regalo – preferibilmente rappresentativo della tua cultura – da dare alla tua famiglia ospitante. È un ottimo modo per rompere il ghiaccio con loro e porre le basi per una calda amicizia.

Se ti vengono fornite alcune informazioni sulla famiglia ospitante prima della visita, prova ad adattare il regalo alle età e alle identità di genere dei membri della famiglia. Apprezzeranno il pensiero.

 

 

5) Rispetta gli usi e le leggi locali

Indipendentemente dal fatto che tu abbia deciso di stare con una famiglia ospitante o in un dormitorio o in un hotel, dovresti sempre essere consapevole delle tradizioni locali e delle culture religiose. Alcuni paesi potrebbero non consentire alle donne di mostrare il loro ombelico o le spalle, altri potrebbero non consentire il tenersi per mano o altre manifestazioni di affetto in pubblico. Come ospite nella casa di qualcun altro, è importante rispettare le loro regole, costumi e leggi.

 

Ricorda: che tu sia d’accordo o meno, il tuo passaporto non ti rende al di sopra della legge. Il tuo comportamento rappresenta te, il tuo programma di studio all’estero, la tua famiglia ospitante e il tuo paese d’origine. Non prendere alla leggera la responsabilità di rappresentare bene te stesso e gli altri.

 

 

6) Comunica con l’ufficio di collocamento del tuo programma di studio all’estero

Nel caso in cui tu sia ostinatamente dispiaciuto di qualche aspetto della tua famiglia e la comunicazione con la famiglia non abbia aiutato, prova a contattare l’ufficio di collocamento del tuo programma di studio all’estero, piuttosto che aspettare che sia finita per lasciare una recensione negativa.

 

E’ probabile che abbiano un protocollo di mediazione o, se le cose vanno abbastanza male, ti sposteranno in un’altra famiglia che è più adatta al tuo stile di vita e alla tua personalità. Al contrario,  se adori assolutamente la tua famiglia ospitante, vantati di loro! L’organizzazione dovrebbe sapere quanto è preziosa questa famiglia, così continueranno a mandare gli ospiti da loro.

 

Cosa non fare durante il tuo soggiorno all’estero in famiglia

Ora che conosci sei delle cose più importanti da fare durante il tuo soggiorno all’estero in famiglia, vediamo cosa non fare. Frustrazione, nostalgia e problemi di comunicazione sono inevitabili, ma non è mai una scusa per mancare di rispetto ai padroni di casa. Sei sia un ospite che un’estensione della loro famiglia.

 

1) Non essere disordinato

Anche se la tua famiglia si offre di fare il bucato e pulire per te, fai uno sforzo per mantenere la tua stanza il più pulita possibile. La cortesia comune ci dice che quando siamo ospiti (anche se stiamo pagando), dovremmo rispettare la casa che ci ospita più di quanto faremmo con la nostra. Ciò contribuirà notevolmente a mantenere un rapporto positivo e rispettoso con la famiglia.

 

Prendi l’iniziativa e offriti di fare le faccende domestiche, cucinare un pasto o fare una spesa veloce quando sei fuori. In molte culture, una famiglia non chiederebbe mai a un ospite di fare la sua parte, ma accetterà volentieri la tua gentilezza come un dono di gratitudine.

 

 

2) Non essere snob…

Se ti trasferisci da un paese più sviluppato a uno meno sviluppato, potresti sperimentare uno shock culturale. Cerca di distinguere tra scarsa ospitalità e circostanze povere durante la tua permanenza in famiglia – ed di evitare di comportarti come una diva privilegiata.

 

Lamentarsi della mancanza di calore in una casa che non ha accesso al riscaldamento: questo è da diva. Chiedere il permesso di prendere coperte extra per notte è rispettoso. Se sei a disagio nella casa che ti ospita, prova a comunicare gentilmente con la famiglia, se vedi che è qualcosa a cui potrebbero porre rimedio.

 

 

3) …Ma non essere nemmeno troppo accondiscendente

Ci sono momenti in cui è necessario un feedback costruttivo. La stragrande maggioranza delle famiglie ospitanti sarà gentile e accogliente, ma potrebbero esserci rari casi in cui i padroni di casa semplicemente non rispettano la loro parte dell’accordo o sono così spiacevoli che l’esperienza diventa tossica per te.

 

Ti meriti di fare un’esperienza positiva all’estero, quindi parla del problema. Se è veramente pesante, mettiti in contatto con l’ufficio di collocamento del tuo programma e chiedi di essere trasferito in un’altra casa. Sono lì per supportarti.

 

4) Non aver paura di parlare la loro lingua

Molti studenti che studiano all’estero (anche studenti a livelli avanzati di lingua) si bloccano quando praticano la lingua locale con la famiglia ospitante. Per paura di commettere errori stupidi, spesso perdono le opportunità per migliorare. Parla con la tua famiglia: farai degli errori, poi ridici su e lascia che ti correggano. Imparerai termini colloquiali che il tuo manuale di lingua non ti insegnerà mai e, se sei abbastanza fortunato da avere fratelli ospitanti, imparerai anche lo slang.

 

 

5) Non dimenticare di farti degli amici

Hai deciso di studiare all’estero perché volevi sperimentare qualcosa di nuovo. Esplora un nuovo quartiere ogni fine settimana, fai gite giornaliere nelle città vicine e incontra persone da tutto il mondo. C’è un’intera comunità là fuori da incontrare e nuove prospettive da ascoltare.

 

È meraviglioso legare con la famiglia ospitante e passare del tempo con loro fuori casa, ma cerca di non fare affidamento solo su di loro per la tua vita sociale. Esci da solo ogni tanto, perditi, fatti nuovi amici, poi torna a casa e ridi con la tua famiglia delle tue varie storie.

 

6) Non andartene senza dire grazie

Più a lungo vivi con una famiglia ospitante, più alti e bassi sperimenterete insieme. Quando arriva il momento di andarsene, potresti provare sollievo nel tornare in un posto più familiare. Indipendentemente dalle circostanze al momento della partenza, dovresti fare uno sforzo per esprimere la tua gratitudine alla famiglia per averti permesso di entrare nella loro casa e condividere la loro vita con te.

 

Prova a scrivere una dolce lettera di ringraziamento nella loro lingua natia, invitali a cena o lascia un regalo speciale. E poi non dimenticare di restare in contatto!

 

 

La tua famiglia ospitante è una parte importante dello studio all’estero. Potrebbe sembrare spaventoso ora, ma può facilmente essere una delle parti più memorabili della tua esperienza di studio all’estero e ti può dare un vero legame con il tuo paese ospitante, in un modo che non sarebbe possibile vivendo in un dormitorio. Con un po’ di flessibilità, gratitudine e una mente aperta, potresti scoprire che è una delle parti migliori dell’esperienza. Sii curioso, sii comunicativo e, soprattutto, divertiti!

 

 

Fonte: Go Overseas

  •