Magazine

Le 10 cose strane da fare a Firenze, una guida alternativa

Redazione

Firenze è una città sempre piena di turisti che ne ammirano la bellezza. Per evitare la folla e scoprire splendidi luoghi poco conosciuti ecco una guida alternativa delle 10 cose strane da fare a Firenze!

 

Con i suoi iconici capolavori del Rinascimento e la sua splendida architettura, Firenze è giustamente una delle città più visitate d’Italia. Ma per evitare la folla, scopri alcune delle gemme nascoste della città grazie a questa lista.

 

 

Modelli di cera anatomica secolari a La Specola

 

Inaugurato nel 1775 dal Granduca Pietro Leopoldo di Lorena, La Specola fu uno dei primi musei di scienza aperti al pubblico. Originariamente ospitava tutti gli oggetti della vasta collezione di storia naturale dei Medici-Lorena. Oggi contiene non solo una vasta collezione di animali imbalsamati, tra cui l’ippopotamo che i Medici apparentemente custodivano nel Giardino di Boboli nel 1600, ma anche la più grande collezione al mondo di cere anatomiche.

I modelli sono entrambi straordinariamente realistici e inquietanti nella raffigurazione di figure femminili in pose romantiche (soprannominate “Veneri”). È veramente uno spettacolo insolito.

 

 

Corridoi segreti del Corridoio Vasariano

 

Costruito nel 1565 da Giorgio Vasari come passerella privata per i Medici per viaggiare tra gli uffici di Palazzo Vecchio e la loro residenza a Palazzo Pitti, il Corridoio Vasariano offre un’interessante esperienza fiorentina. Entrando da una scala nascosta nel Museo degli Uffizi, il passaggio di quasi un chilometro contiene una vasta collezione di autoritratti. Inizia con artisti del Rinascimento, tra cui lo stesso Vasari, e continua fino agli artisti del XX secolo.

C’è anche un’affascinante raccolta di ritratti in miniatura del Bronzino, il famoso pittore di corte dei Medici, nonché la veduta privata dei Medici della chiesa di Santa Felicità. Assicurati di pianificare in anticipo, dal momento che è accessibile solo su appuntamento.

 

 

Negozi di artigianato dell’Oltrarno

 

Se passi attraverso il Corridoio Vasariano, alla fine uscirai dall’altra parte del fiume Arno, nel quartiere Oltrarno di Firenze. Questa è una parte più tranquilla della città turistica. Superata l’affascinante Grotta del Buontalenti (che in origine ospitava gli Schiavi di Michelangelo, ora presso l’Accademia) e la particolarissima Fontana di Bacco (il dio è raffigurato nudo e obeso a cavalcioni di una tartaruga gigante), fai un giro nelle labirintiche strade intorno a Palazzo Pitti.

Qui puoi trovare una miriade di piccole botteghe artigiane, da calzolai, orafi e rilegatori di quaderni in cuoio, a negozi di ceramiche e pietre intarsiate. Se sei veramente ispirato, impara il mestiere di calzolaio come apprendista presso l’atelier di scarpe di Stefano Bemer.

 

 

Panino al lampredotto

 

Quando senti un certo languorino dopo le tante esplorazioni, vai a mangiare come un vero fiorentino e cerca un trippaio tradizionale (bancarella di trippa), come il ‘l Trippaio di San Frediano di Oltrarno. Il panino al lampredotto, chiamato così per la sua somiglianza visiva con la lampreda, una volta abbondante nell’Arno, è ricavato dal quarto stomaco della mucca. È cotto in brodo con erbe e pomodori, affettato sottile e messo in un panino bagnato con il brodo, con una scelta di salse di accompagnamento.

Presente solo a Firenze, questo insolito panino esiste da secoli. In origine era un cibo di strada economico per le classi lavoratrici, ma ora è apprezzato dall’intero spettro dei fiorentini.

 

 

Collezione di armature allo Stibbert

 

Situato su una splendida collina di Firenze, il Museo Stibbert è un museo che merita la camminata che bisogna fare su per la collina. Creazione di un illustre gentiluomo e ossessivo collezionista italo-inglese del XIX secolo, Frederick Stibbert, porta l’idea di casa museo al livello successivo.

Si sviluppa in due ville giganti e contiene alcune delle più vaste ed eclettiche collezioni di armature storiche europee, giapponesi e islamiche del mondo. Posto in una scenografia teatrale in mezzo a un’imponente esposizione di dipinti rinascimentali e arti decorative, è uno spettacolo che deve essere visto per essere creduto.

 

 

Studio del locale artista di strada CLET

 

L’idea di graffiti in una città rinascimentale il cui centro storico è riconosciuto come patrimonio mondiale dell’UNESCO può sembrare problematica. Tuttavia, l’artista francese trasferitosi a Firenze Clet Abraham, noto come CLET, ha trovato un modo ingegnoso per iniettare un senso contemporaneo di irriverente eccentricità nell’importante eredità artistica di Firenze. Usando adesivi rimovibili, trasforma i segnali stradali della città in distinte opere d’arte che sono ormai diventate parte del paesaggio locale.

Fai una visita al suo studio nel quartiere di San Niccolò per parlare con l’artista o ottenere uno dei segni che ha recuperato dopo che le autorità li avevano rimossi. Oppure, guarda l’altro lavoro dell’artista, che include dipinti e sculture.

 

 

Spazio segreto al Giardino Bardini

 

Originariamente un giardino medievale che è stato restaurato dal collezionista d’arte Stefano Bardini nei primi anni del 1900 (la sua vasta collezione d’arte è ospitata in un museo proprio dall’altra parte della strada), Giardino Bardini è una deliziosa fuga dall’ubiquità della pietra e delle visite interne a tutto ciò che è arte rinascimentale.

Mentre i Giardini di Boboli sono sicuramente più noti a coloro che visitano la capitale toscana, il giardino Bardini offre un’alternativa più intima e curata. Presenta minuscole grotte, angoli tranquilli, fiori che sbocciano in primavera e viste simili a quelle del Piazzale Michelangelo pieno di bus turistici. Tra aprile e ottobre la storica Kaffeehaus in cima al giardino è il luogo ideale per un espresso pomeridiano o per scrivere i propri racconti letterari sotto il sole della Toscana.

 

 

 

Aperitivo e set acustico dal vivo

 

Al calare del sole, resisti alla tentazione di cenare presto come è consuetudine per i turisti, e dirigiti verso uno dei tanti locali per l’aperitivo. A partire dalle 7 di sera nella maggior parte dei luoghi, pagando un prezzo leggermente più alto per il tuo spritz (aperol, vino bianco o prosecco e soda) avrai a disposizione una gamma completa di antipasti e altri stuzzichini gratuiti.

In Via de ‘Benci, Soul Kitchen offre diverse specialità a seconda della sera della settimana (barbecue, vegetariano). Nel vicino Gallery Café Art Bar il mercoledì e il venerdì puoi anche ascoltare musica dal vivo del musicista americano Derek James e altri artisti.

 

 

 

Cena e concerto al Teatro del Sale

 

Amata istituzione fiorentina, il Teatro del Sale è la creazione ibrida della performer Maria Cassi e suo marito, Fabio Picchi, chef-proprietario del rinomato ristorante fiorentino Cibrèo. Situato in un ex convento del XIV secolo, lo spazio riservato ai membri / sala da pranzo ospita spettacoli ogni notte.

Numerosi piatti deliziosi sono offerti anche in stile mensa, spesso annunciato dallo chef stesso dalla cucina aperta. È un’esperienza italiana calda e autentica, in cui si può ascoltare musica diversa come jazz, tango, rock e musica classica. Prendi la tua tessera all’ingresso.

 

 

Shottino di Eby

 

Infine, per completare veramente i rituali di iniziazione della vita notturna di Firenze, devi andare all’Eby’s Bar, a pochi minuti a piedi dal Duomo. Eby stesso – un uomo che, per inciso, ha una strana somiglianza con Albert Einstein – preparerà ad arte un piatto con banane coperte di semi di papavero, caffè, zucchero e arance a formare un viso.

Poi è il momento di obbedire, mentre impartisce ordini sul modo preciso in cui consumare le componenti commestibili, sbattendo infine uno shot sul tavolo gridando ‘Vai! Vai! Vai!’. “Succede tutto molto velocemente, prima ancora di capire cosa stia accadendo. Ma una volta uscito dal bar, questo rituale fiorentino ti lascerà senza dubbio con un sorriso.”

 

 

Fonte: The Culture Trip

 

  • 
  •