Magazine

Scopri i 10 segreti di Machu Picchu

Redazione

Le rovine di Machu Picchu continuano a rivelare i misteri dell’Impero Inca. Mentre il sito archeologico attira ogni anno numerosi visitatori in Perù, ecco 10 segreti meno noti nascosti sotto i suoi strati di storia. 

 

 

1. Machu Picchu in realtà non è la “città perduta” degli Inca

 

Quando l’esploratore Hiram Bingham III trovò Machu Picchu nel 1911, stava cercando una città diversa, conosciuta come Vilcabamba. Questa era una capitale nascosta nella quale gli Inca erano fuggiti dopo che i conquistadores spagnoli arrivarono nel 1532. Col tempo divenne famoso come la leggendaria Città perduta degli Inca.

 

Bingham trascorse la maggior parte della sua vita sostenendo che Machu Picchu e Vilcabamba fossero la stessa cosa, una teoria che non fu smentita fino alla sua morte nel 1956. (La vera Vilcabamba si crede fosse stata costruita nella giungla a circa 80 km a ovest di Machu Picchu). Ricerche recenti hanno messo in dubbio se Machu Picchu fosse mai stata dimenticata. Quando arrivò Bingham, tre famiglie di contadini vivevano nel sito.

 

 

2. E’ a prova di terremoti

 

Le pietre degli edifici più belli di tutto l’impero Inca non utilizzavano calce. Queste pietre sono state tagliate così precisamente, e incuneate così strettamente tra loro, che una carta di credito non può essere inserita tra di esse. Oltre agli ovvi vantaggi estetici di questo stile di costruzione, ci sono vantaggi tecnici.

 

Il Perù è un paese sismicamente instabile – sia Lima che Cusco sono state rase al suolo dai terremoti – e la stessa Machu Picchu è stata costruita in cima a due linee di faglia. Quando si verifica un terremoto, si dice che le pietre di un edificio Inca “danzano”, cioè rimbalzano attraverso i tremori e poi ritornano al loro posto. Senza questo metodo di costruzione, molti degli edifici più noti a Machu Picchu sarebbero crollati molto tempo fa.

 

 

3. Molte delle cose più impressionanti sono invisibili

 

Mentre gli Inca sono ricordati per le loro belle pareti, anche i loro progetti di ingegneria civile erano incredibilmente avanzati (soprattutto, come spesso si fa notare, per una cultura che non utilizzava animali da tiro, strumenti di ferro o a ruote). Il sito che vediamo oggi è stato “scolpito” partendo da un incavo tra due piccole cime, spostando pietre e terra per creare uno spazio relativamente piatto.

 

L’ingegnere Kenneth Wright ha stimato che il 60% delle costruzioni fatte a Machu Picchu fossero sotterranee. Gran parte di queste consistono in profonde  fondamenta degli edifici e roccia frantumata usata per il drenaggio. (Come potrà dirvi chiunque abbia visitato il sito nella stagione delle piogge, Machu Picchu riceve molta acqua.)

 

 

4. Si possono raggiungere le rovine a piedi

 

Un viaggio a Machu Picchu è molte cose, ma economico no di certo. I biglietti del treno da Cusco possono arrivare a costare più di un centinaio di dollari ciascuno, e le tariffe di ingresso variano da $ 47 a $ 62 a seconda delle opzioni che scegli. Nel mezzo, un viaggio di andata e ritorno in autobus su e giù per il pendio di 600 metri in cima al quale si trovano le rovine Inca costa altri $ 24.

 

Se non ti dispiace un po’ di fatica, tuttavia, puoi camminare su e giù gratuitamente. Il ripido sentiero segue all’incirca la rotta del 1911 di Hiram Bingham e offre viste straordinarie sul Santuario Storico di Machu Picchu, che sembra quasi come ai tempi di Bingham. La salita è faticosa e dura circa 90 minuti.

 

 

5. C’è un fantastico museo nascosto che non visita nessuno

 

Una delle cose più strane di Machu Picchu è che il sito non fornisce praticamente alcuna informazione sulle rovine. Questa mancanza ha un vantaggio: le rovine rimangono sgombre.

 

L’eccellente Museo de Sitio Manuel Chávez Ballón (ingresso da $ 7) risponde a molte domande su come e perché  Machu Picchu è stata costruita (le spiegazioni sono in inglese e spagnolo), e perché gli Inca hanno scelto un luogo naturale così straordinario per la cittadella. Per prima cosa devi trovare il museo, però. È scomodamente nascosto alla fine di una lunga strada sterrata vicino alla base di Machu Picchu, a circa 30 minuti a piedi dalla città di Aguas Calientes.

 

6. Non c’è una sola vetta da scalare

 

Molto prima dell’alba, i visitatori accorrono con entusiasmo fuori dal deposito degli autobus di Aguas Calientes, sperando di essere tra le prime persone ad entrare nel sito. Perché? Perché solo a 400 persone è permesso salire Huayna Picchu quotidianamente (la piccola vetta verde, a forma di corno di rinoceronte, che appare sullo sfondo di molte foto di Machu Picchu).

 

Quasi nessuno si preoccupa di risalire il pinnacolo che ancorava l’estremità opposta del il sito, che di solito è chiamato Machu Picchu Mountain. E’ alto il doppio e le viste che offre sull’area che circonda le rovine – specialmente il bianco fiume Urubamba che si snoda intorno a Machu Picchu come un serpente attorcigliato – sono spettacolari.

 

 

7. C’è un tempio segreto

 

Se sei uno dei fortunati mattinieri che rientrano nella lista degli invitati a Huayna Picchu, non scalare la montagna solo per scattare qualche foto e andartene. Prenditi il ​​tempo per seguire il sentiero da rizzare i capelli fino al Tempio della Luna, situato sul lato opposto di Huayna Picchu. Qui, un santuario cerimoniale è stato costruito in una grotta rivestita con splendide pietre e nicchie che una volta erano probabilmente usate per contenere le mummie.

 

 

8. Ci sono ancora cose da scoprire

 

Se ti allontani dalle rovine centrali di Machu Picchu, noterai che occasionalmente i percorsi laterali si diramano nel fitto fogliame. Dove vanno? Chissà. Poiché la foresta pluviale cresce rapidamente nell’area circostante Machu Picchu, ci possono essere tracce sconosciute e rovine ancora da trovare nelle vicinanze. Nel 2011, diverse serie di terrazze rinnovate di recente sono state messe a disposizione del pubblico per la prima volta.

 

 

9. Ha un ottimo senso dell’orientamento

 

Dal momento in cui Hiram Bingham barcollò fino a Machu Picchu nel 1911, i visitatori hanno capito che l’ambientazione naturale delle rovine è tanto importante per il sito quanto gli edifici stessi. Ricerche recenti hanno dimostrato che la posizione del sito e l’orientamento delle sue strutture più importanti erano fortemente influenzate dalla posizione delle vicine montagne sacre, o Apus.

 

Una pietra a forma di freccia in cima alla vetta di Huayna Picchu sembra puntare verso sud, direttamente attraverso la famosa Pietra Intihuatana, fino al Monte Salcantay, una delle più venerate Apus della cosmologia Inca. Nei giorni importanti del calendario Inca, il sole può essere visto sorgere o tramontare dietro altre vette significative.

 

 

10. Potrebbe essere stata la meta finale di un pellegrinaggio

 

Una nuova teoria proposta dall’archeoastronomo italiano Giulio Magli suggerisce che il viaggio verso Machu Picchu da Cusco avrebbe avuto scopi cerimoniali: riecheggiare il viaggio celeste che, secondo la leggenda, i primi Inca fecero quando partirono dall’Isola del Sole nel Lago Titicaca.

 

Piuttosto che seguire semplicemente un sentiero più sensato lungo le rive del fiume Urubamba, gli Inca costruirono l’Inca Trail, un percorso poco pratico, ma visivamente sorprendente, che secondo Magli preparava i pellegrini per l’ingresso a Machu Picchu. La tappa finale del pellegrinaggio si sarebbe conclusa con la scalata dei gradini della Pietra Intihuatana, il punto più alto delle rovine principali.

 

 

 

 

Fonte: National Geographic 

Laureata in Scienze Linguistiche, grazie ai programmi Erasmus ha vissuto in Irlanda, Danimarca e Belgio. Per Scambieuropei scrive articoli su Erasmus, lingue straniere, esperienze all’estero, formazione e curiosità dal mondo.