Magazine

Turismo sostenibile: i souvenir da evitare e le loro alternative sostenibili

Redazione

Il turismo sostenibile è un modo di viaggiare responsabile che cerca di limitare i danni ambientali e sociali causati dal turismo di massa. Scopri come praticarlo anche tu evitando questi souvenir poco etici. 

 

Viaggiare implica inevitabilmente un impatto ambientale, dai voli che prendiamo alla crema solare che mettiamo, al cibo che mangiamo, o anche ai sentieri che decidiamo di percorrere. Ogni decisione ha una conseguenza e il tipo di souvenir che scegliamo di portare a casa con noi non fa eccezione.

 

Per essere preparato e fare acquisti consapevoli quando viaggi, scopri i souvenir meno etici in commercio e delle valide alternative sostenibili. Il pianeta e gli animali te ne saranno grati!

 

 

Perù 

Il Perù condivide la foresta pluviale amazzonica con Brasile, Colombia, Venezuela, Ecuador, Bolivia, Guyana, Suriname e Guiana francese e, proprio come i suoi vicini, offre souvenir provenienti da questo bioma ecologico unico. Il Perù ospita molte specie rare di legname che, sfortunatamente, possono essere trasformate in ornamenti in legno e venduti ai turisti. Inoltre, anche se è illegale vendere prodotti di animali selvatici, come pelli, artigli, piume e teschi, questi si trovano spesso nei negozi di souvenir.

 

Quando si viaggia verso una nuova destinazione, non è sempre facile sapere quali specie ti stanno vendendo, o quali sono in pericolo o protette. Quando si cercano souvenir, quindi, è generalmente meglio evitare di acquistare qualsiasi cosa fatta con materiali vegetali, come legno o semi, e qualsiasi cosa fatta di pelle, denti, ossa, guscio, piume o avorio.

 

Fortunatamente, ci sono sempre ottime alternative. Il Perù è la patria delle Ande, dove troverai sicuramente un sacco di vestiti fatti con lana di alpaca, che è isolante come il cashmere ed è molto leggera. Oppure potresti comprare un assaggio di pisco, il forte alcool peruviano, o i tori in ceramica chiamati Toros de Pucará, simbolo di fertilità e felicità.

 

 

Caraibi

Quasi ogni città marittima al mondo vende conchiglie e stelle marine essiccate. Mentre questi dovrebbero essere evitati ovunque tu sia, ci sono alcuni tesori oceanici particolarmente rari disponibili come souvenir nei Caraibi.

 

Le tartarughe Hawksbill affrontano le stesse minacce di tutte le tartarughe marine, ma le loro bellissime testuggini le hanno rese ancora più vulnerabili di molte altre. Le scaglie sovrapposte delle loro conchiglie sono state utilizzate per fare pettini, gioielli, occhiali da sole, ornamenti e altri oggetti di lusso e decorativi per secoli.

 

Se sei appassionato di estetica, ma non vuoi danneggiare questi animali in via di estinzione, è possibile trovare imitazioni di plastica di guscio di tartaruga, riconoscibili dalla loro fantasia uniforme.

 

Le conchiglie sono un altro souvenir da evitare durante un viaggio ai Caraibi. I gusci di conchiglie sono venduti interi o trasformati in tutto e di più, dai gioielli alle lampade, agli orecchini e ai posacenere. Queste conchiglie erano un tempo dimora di grandi lumache di mare. Sebbene non siano attualmente minacciate di estinzione, queste lumache di mare potrebbero diventarlo se il commercio non viene strettamente controllato. Puoi aiutare a ridurre la domanda evitando i souvenir di conchiglia optando per qualcosa fatto con gusci di cocco, come intagli, utensili, lanterne, ciotole, mangiatoie per uccelli, campanelli e gioielli.

 

 

Sud Africa

Il Sudafrica è famoso per la sua incredibile biodiversità e le sue ricche risorse minerali, tra cui pietre preziose come i diamanti.

 

Si potrebbe pensare che l’acquisto di un ornamento di uova di struzzo per il tuo tavolino, o di una pelle di antilope per il pavimento del tuo soggiorno, non siano scelte insostenibili, visto che spesso provengono da animali in allevamento.Ma perché comprare prodotti animali quando ci sono così tante alternative innovative tra cui scegliere?

 

Il Sudafrica, proprio come molti altri paesi africani, ha un talento per l’upcycling parsimonioso. L’upcycling consiste nella realizzazione di un prodotto partendo da materiali di scarto che andrebbero buttati, creando qualcosa dal valore maggiore rispetto a quello del materiale in sé. Così, puoi comprare sculture fatte con bottiglie di bibite gassate; perline di giornale, o scarpe con suole fatte di vecchi pneumatici. Celebrare l’abbondanza di artigianato rispetto a costose rarità è sempre la mossa più sostenibile.

 

Anche la bigiotteria offre un’alternativa etica a gemme e metalli preziosi, spesso cause di conflitti e guerre. Ad esempio, puoi optare per le tradizionali perline zulu. Oppure, puoi scoprire gioielli di design di classe mondiale del Sud Africa, realizzati con materiali come stoffa, vetro o corda.

 

 

Russia

L’ambra è un classico souvenir da riportare da un viaggio in Russia, ma la pietra semi-preziosa fatta di resina fossilizzata è sia una risorsa limitata che un bene che ha fatto nascere un fiorente mercato nero. Invece di comprare un paio di orecchini d’ambra e di impoverire i resti di foreste di pini di 50 milioni di anni fa, potresti comprare una bambola Matrioska o una traduzione dei racconti di Puskin. E non dimentichiamo la bevanda più famosa della Russia: la vodka!

 

 

 

Croazia, Italia, Grecia

Croazia, Italia e Grecia sono paesi famosi per la vendita di coralli rossi. Incastonati in ciondoli, levigati in piccole perline rotonde o sotto forma di orecchini pendenti, ce n’è per tutti i gusti. Il corallo rosso è stato usato come ornamento fin dai tempi dell’antico Egitto, ma mentre è innegabilmente molto bello, è un lusso a cui dovremmo rinunciare.

 

Secondo il National Geographic, “il corallo rosso è il fondamento, letteralmente, di molti ecosistemi mediterranei e fornisce un habitat fondamentale per i pesci e altre forme di vita marina. La sua raccolta da parte dell’uomo, l’inquinamento, l’acidificazione degli oceani e il riscaldamento delle acque sono tutte minacce per il ​​corallo, che ora è in pericolo.” Piuttosto che giocare un ruolo nella potenziale scomparsa del corallo rosso dal Mediterraneo, opta per altre offerte locali.

 

La Croazia, l’Italia e la Grecia sono tutte ben note per la loro vetreria artigianale. Potresti comprare un “malocchio” color indaco in Grecia, pendagli e altri ornamenti in vetro di Murano, o guardare i maestri di Samobor, in Croazia, intenti all’opera.

 

India

Quando viaggi in India, potresti trovare scialli fatti da shahtoosh, la “regina delle lane”, che proviene dall’antilope tibetana chiamata chiru. Le antilopi tibetane sono state cacciate fino al limite dell’estinzione per la loro lussuosa lana, quindi inutile dire che lo shahtoosh dovrebbe essere evitato.

 

Un altro souvenir da evitare è lo Sheesham,  o palissandro nord-indiano, che cresce in India e in Bangladesh. Come qualsiasi altro legno a crescita lenta, richiede anni per rigenerarsi, quindi sarebbe meglio evitare di acquistarlo. Dovresti anche sapere che l’esportazione di pelli di gatto maculato, avorio di elefante e pelle di rettile è vietata.

 

 

Ancora una volta, una buona regola da seguire è quella di mettere da parte qualsiasi souvenir di piante o animali. Puoi optare, invece, per cose come cuscini ricamati, barattoli di sottaceti indiani noti come achaar o cd di musica tradizionale.

 

 

Cina

Nel 2014 la Cina ha reso illegale la caccia e l’acquisto di 420 specie minacciate di estinzione. Ha anche vietato tutte le vendite domestiche di avorio, e tecnicamente “commerciare il corno di rinoceronte è illegale in Cina dal 1993”. Detto questo, “la Cina è ancora il più grande mercato per i prodotti illegali della fauna selvatica” (National Geographic).

 

Di solito, queste specie sono trasformate in opere d’arte ornamentali o utilizzati nella medicina tradizionale. I prodotti illegali sono onnipresenti in tutta la Cina, quindi evita di acquistare qualsiasi tipo di souvenir vegetale o animale.

 

In alternativa, porta a casa un po’ d’arte calligrafica cinese o tè. La Cina è anche famosa per la sua seta e, se sei fortunato, potresti trovare un po ‘di “seta della pace“, ricavata unicamente dai bozzoli raccolti dopo che le falene sono fuoriuscite e volate via.

 

 

Francia

L’amore della Francia per il cibo e tutti i suoi riti è a dir poco contagioso, ma mentre alcune delle sue prelibatezze sono ampiamente ricercate, non sono necessariamente il risultato di pratiche etiche. Il foie gras, un paté ricavato dal fegato di anatre o oche che sono state alimentate forzatamente in un processo chiamato gavage, è l’esempio più controverso

 

Ci sono molti modi per portare a casa un assaggio della Francia che non coinvolga pollame infelice. I macarons potrebbero sopravvivere al viaggio, ma, se non vuoi rischiare, potresti prendere un libro di cucina francese – in italiano, se lo trovi – o un po’ di sale di Guérande. E se il sale non ti entusiasma, puoi sempre provare il caramello salato!

 

 

 

Fonte: Matador Network

  •