Scambi Culturali

Scambio culturale a Macerata sul tema del razzismo e migrazione dal 10 al 19 Settembre

Redazione

Partecipa a questo bellissimo Scambio culturale a Macerata sul tema del razzismo e migrazione dal 10 al 19 Settembre organizzato da Il Centro Culturale Fonti San Lorenzo. Si ricercano ben 15 partecipanti!

 

Dove: Macerata, Marche, Italia

Quando: dal 10 al 19 settembre 2018

Destinatari: 15 giovani tra i 15 e i 30 anni

 

Titolo del progetto: “Ubuntu contro il razzismo”

Paesi partner: Italia, Spagna e Portogallo

Lingua del progetto: inglese

 

Descrizione del progetto

Il Centro Culturale Fonti San Lorenzo è alla ricerca di 15 partecipanti interessati allo scambio giovanile “Ubuntu contro il razzismo” che si svolgerà a Macerata, splendido borgo marchigiano vittima alcuni mesi fa di un attentato terroristico di matrice razzista.

La proposta del progetto “Ubuntu contro il razzismo” nasce in una fase storica particolare per tutta Europa: tutto il continente è attraversato da nuovi nazionalismi, da una crescente violenza nel linguaggio e una diffusa intolleranza verso la diversità, che in certe situazioni porta a episodi di discriminazione implicita ed esplicita. Il vento del razzismo torna a spirare forte, anche a causa della diffusa vulnerabilità prodotta dalla crisi: la paura verso il diverso, il disprezzo delle minoranze, la critica ai processi di integrazione e dialogo culturale. Questo clima non solo mette a rischio la convivenza dei cittadini nella diversità, ma mina le basi stesse del progetto europeo: una crisi di civiltà, riprendendo il Manifesto di Ventotene, che può essere superata solo dalle nuove energie dei giovani.

 

 

Quale risposta?

Ubuntu. Ubuntu è una parola bantu, africana, che rappresenta uno stile di vita: “io sono ciò che sono in virtù di quello che tutti noi siamo“. Ma significa anche “umanità verso gli altri“. Non a caso, la risposta al razzismo viene dall’apertura e dall’accoglienza verso gli altri, che il Centro Culturale rappresenta con una parola che è a sua volta un’alterità rispetto a noi. Parola immigrata. Parola migrante.

Lo scambio mira quindi a creare un contesto fortemente differenziato, coinvolgendo non solo partecipanti da tre differenti Paesi (Italia, Spagna e Portogallo) ma chiedendo anche a ogni partner il coinvolgimento di una quota di partecipanti immigrati (di prima o seconda generazione).

 

Come nasce il progetto

Il Centro Culturale Fonti San Lorenzo ha individuato il tema del razzismo (e della prevenzione e del superamento di esso) come centrale, dopo un lungo percorso di discussione con i propri volontari e con i giovani frequentatori del Centro di Aggregazione: due assemblee son state dedicate al confronto sui temi, dalle quali sono emerse paure e timori rispetto al clima di intolleranza che si respira in tutto il continente.

A questo, si è connesso il tema del fenomeno migratorio, che trascende la semplice attualità italiana, ma rappresenta un fenomeno di larga portata e lungo periodo che coinvolge tutta Europa. Temi che si sono acuiti dopo i gravi fatti di Macerata, che hanno reso la bella città marchigiana (situata a venti chilometri da Recanati) teatro di un attentato terroristico contro i migranti il 3 Febbraio che ha segnato le coscienze.

In quest’ottica, il progetto si pone l’obiettivo principale di creare uno spazio e un tempo adeguati all’incontro, alla conoscenza reciproca, al mutuo apprendimento tra persone con lingua, cultura e provenienza differente.

 

Metodologia

Attività incentrate sull’educazione non-formale, quindi dinamiche e basate sul peer-to-peer, consentiranno la messa in gioco dei partecipanti innanzitutto nel superare i propri muri interni ed esterni. Superare stereotipi e pregiudizi, in un contesto in cui gradualmente anche gli stessi “gruppi” si contamineranno andando a costituire un unico grande gruppo che lavora, gioca, si conosce.

 

 

Obiettivi del progetto

  • promuovere la diversità;
  • sostenere il dialogo interculturale;
  • potenziare la capacità di relazionarsi;
  • promuovere il pensiero critico e la co-costruzione di alternative praticabili;
  • sensibilizzare al “razzismo” che è in noi e nelle nostre azioni;
  • sviluppare capacità di “allerta” rispetto ai gesti intolleranti;
  • favorire l‘ascolto dell’altro;
  • promuovere un cambiamento nelle pratiche quotidiane in favore di una relazionalità non violenta;
  • favorire la moltiplicazione e disseminazione di buone pratiche.

 

Condizioni economiche

  • Vitto e alloggio coperti al 100% dall’associazione ospitante
  • Biglietti dei trasporti acquistati dai partecipanti verranno rimborsati fino a un massimo di 20 euro, come da regolamento erasmus plus

 

Maggiori informazioni

COSA SONO GLI SCAMBI CULTURALI

 

Guida alla candidatura

Per inviare la propria candidatura, compilare il form online

 

Scadenza

Il prima possibile

 

Il progetto non appartiene all’associazione Scambieuropei. In caso di necessità, scrivere a info@centrofontisanlorenzo.it

 

VI INVITIAMO A CANDIDARVI SOLO SE REALMENTE INTENZIONATI A PARTIRE

 

 

  • comments powered by Disqus
  •