Magazine

Leggende indiane: 8 miti e leggende della tradizione induista

illustrazione leggende indiane
Redazione

Dalle creature mistiche alle maledizioni perpetue, preparati ad alcuni dei miti e delle leggende indiane più affascinanti

 

La maggior parte dei miti e delle leggende indiane derivano da due poemi epici, Mahabharata e Ramayana, nonché dagli antichi testi indù, i Purana. Le affascinanti storie di questi libri emozionano, incantano e spaventano i lettori allo stesso tempo.

 

 

In questo articolo, ti racconteremo 8 miti e leggende indiane.

 

 

Miti e leggende indiane pt.1:

1) Kali Yuga

krishna leggende indiane

 

Nell’induismo ci sono quattro epoche distinte, o yuga, e attualmente viviamo nella quarta, chiamata Kali Yuga. Questa era iniziò nel 3102 a.C. quando il Signore Krishna lasciò la terra per la sua dimora celeste dopo la grande guerra del Mahabharata, e iniziò così la degenerazione della civiltà umana.

 

Gli antichi testi indù dei Purana caratterizzavano il Kali Yuga come dominato da avarizia, odio, intolleranza, lussuria e corruzione. In questa età oscura, la durata media della vita umana è la più breve, durando circa 70 anni mentre, nella prima era del Satya Yuga, l’aspettativa di vita era di 4.000 anni.

 

 

2) Shesha Naga

shesha naga leggende indiane

 

Shesha Naga è un serpente cosmico che si ritiene sostenga tutti i pianeti dell’universo sulle sue mille teste. Il dio Visnù, protettore dell’universo, è spesso raffigurato sdraiato sul corpo di Shesha.

 

Si dice che ogni volta che il serpente divino si srotola, avvenga la creazione della vita, ma quando finalmente si riavvolgerà, il mondo cesserà di esistere. Shesha, che significa “colui che rimane”, è l’unico che continuerà a esistere quando tutto il resto nell’universo sarà annientato. Questo è il motivo per cui Shesha è anche conosciuto come Ananta, che si traduce in “infinito”.

 

 

3) Madhavi

Sposa indiana

 

Madhavi è un personaggio femminile della mitologia indiana che ha solo figli maschi, che diventano tutti guerrieri. Ha anche il potere di ripristinare la sua verginità dopo ogni nascita.

 

Era la figlia del re Yayati, che la consegna a un uomo di nome Galava, che era alla ricerca di 800 cavalli bianchi con orecchie nere da donare al suo guru, Vishwamitra. Donando Madhavi a tre diversi re, Galava riesce a ottenere 200 cavalli da ognuno. Infine, offre questi 600 cavalli al guru Vishwamitra insieme a Madhavi.

 

Questo e altri miti indiani sono stati criticati da esponenti del movimento femminista, perché considerati una fonte di giustificazione del patriarcato nella società indiana.

 

 

4) La dea Durga

durga puja festival india

 

Allo stesso tempo, la mitologia indiana ha anche feroci dee guerriere, come Durga, che è la distruttrice del male. Ma Durga è anche nota per essere gentile e nutriente come una figura materna quando ha bisogno di esserlo.

 

Negli stati dell’India orientale, come il Bengala occidentale, il festival indù di Dussehra è incentrato su una leggenda che circonda Durga. Le celebrazioni commemorano il ritorno a casa della dea dopo aver sconfitto il demone bufalo Mahishasura, che fu benedetto col dono che nessun maschio avrebbe mai potuto ucciderlo.

 

LEGGI ANCHE: 7 Curiosità sull’India

 

Miti e leggende indiane pt. 2:

5) Il ponte di Adamo (Ponte Ram Setu)

leggende indiane ponte di adamo

 

Il Ponte di Adamo, noto anche come il ponte Ram Setu, è una sottile striscia di terra che collega l’isola di Pamban, vicino a Rameshwaram in India, e l’isola di Mannar al largo dello Sri Lanka. Secondo il poema epico indù Ramayana, il ponte fu costruito dall’esercito di Vanara (uomini scimmia) del dio Rama per aiutarlo a salvare sua moglie, Sita, che era prigioniera di Ravana, il re di Lanka.

 

 

6) La maledizione di Valmiki

valmiki e brhama mito indiano

A sinistra: Brahma; a destra: Valmiki

 

Valmiki, l’autore del Ramayana, è onorato come Adi Kavi, o il primo poeta. C’è un’affascinante leggenda dietro il modo in cui ha composto per sbaglio il primo shloka indiano (distico).

 

Un giorno, il saggio ha visto un cacciatore abbattere un uccello maschio con una freccia. Incapace di sopportare la morte del suo partner, anche l’uccello femmina muore di dolore. Consumato dalla rabbia e dal dolore stesso, Valmiki lanciò una maledizione al cacciatore, che inconsciamente pronunciò in un metro poetico.

 

Più tardi, quel giorno, il dio Brahma apparve davanti a Valmiki e lo esortò a scrivere la Storia del Signore Rama proprio in quel metro, e così nacque il poema epico Ramayana.

 

 

7) Matsya

mito di matsya

 

Come per molte religioni e culture, anche la mitologia indiana menziona una grande alluvione, che una volta minacciava di distruggere l’esistenza terrena.

 

Si dice che, quando avvenne il diluvio, il dio Visnù apparve sotto forma di un pesce chiamato Matsya per salvare il mondo. Tuttavia, alcuni testi antichi suggeriscono anche che Matsya fosse un’incarnazione del dio Brahma.

 

La leggenda narra che un minuscolo pesce si avvicinò a Manu, il capo della razza umana, supplicandolo di salvarlo da un grosso pesce. In cambio, la creatura acquatica promise di proteggere la terra dall’imminente diluvio. Ascoltando la richiesta, Manu mise il pesciolino in una pentola. Giorno dopo giorno, il pesce cresceva sempre di più, fino a quando dovette essere immerso nell’oceano.

 

Per salvarsi dal diluvio, il pesce disse a Manu di rifugiarsi in una barca insieme alla sua famiglia e gli disse anche di portare a bordo vari animali, piante e sette saggi. La leggenda è intrigante per la sua misteriosa somiglianza con la storia dell’Arca di Noè.

 

 

8) La leggenda di Mahabalipuram

Mahabalipuram

 

Mahabalipuram è una città nello stato indiano meridionale del Tamil Nadu, rinomata per il suo gruppo di monumenti.

 

La leggenda di Mahabalipuram afferma che c’erano altri sei templi che si trovavano accanto al famoso tempio della spiaggia, che fu costruito durante l’ottavo secolo. Le cosiddette “Sette Pagode” erano così belle che persino gli dei ne divennero gelosi. Ciò indusse il dio Indra a istigare una tempesta che sommerse l’intera città sott’acqua, tranne che per un tempio.

 

In seguito allo tsunami del dicembre 2004, sono state riportate alla luce alcune rovine secolari e strutture sospettate di essere resti dei templi sommersi.

 

 

 

 

FonteThe Culture Trip

  • 
  •