Lavoro

Lavoro a Londra come ricercatore per Amnesty International

Redazione


Sei hai la passione per la ricerca e sei interessato all’ambito dei diritti umani, ecco l’offerta che fa al caso tuo: un posto di lavoro a Londra come ricercatore per Amnesty International, per analizzare a fondo i temi dell’antiterrorismo, la giustizia penale e la migrazione.

 

 

Dove: Londra, Regno Unito.

Ente: Amnesty International è un movimento globale di oltre 7 milioni di persone che promuove il rispetto e la conservazione dei diritti umani.

Durata: 11 mesi

 

Descrizione dell’offerta

L’Ufficio regionale Europa e Asia centrale, presso la Segreteria Internazionale di Amnesty International, sta cercando di nominare un ricercatore dinamico ed esperto.

Il candidato si unirà al gruppo con un contratto a tempo determinato, che si concluderà a dicembre 2018.

L’organizzazione di una campagna basata sulla ricerca e la documentazione delle questioni sui diritti umani risultano fondamentali per il lavoro di advocacy e lobbying.

 

Attività previste

Al candidato sarà richiesto di condurre e coordinare le attività di ricerca, monitorare e analizzare gli sviluppi politici, legali e sociali e le condizioni dei diritti umani.

Egli dovrà inoltre fornire consigli su queste aree e preparare materiali d’azione sui diritti umani, compresa la stesura di relazioni scritte.

Le aree tematiche su cui lavorerà questo ruolo includono, a titolo non limitativo, l’antiterrorismo, la giustizia penale e la migrazione.

 

Condizioni economiche

  • L’offerta prevede uno stipendio di £ 46,910 annui.
  • I benefits includono 37 giorni di ferie annuali (comprensivi di giorni festivi), schemi pensionistici, programmi di assistenza ai dipendenti e assicurazioni sulla vita.

 

Maggiori informazioni

Per saperne di più su offerta e candidatura, potete scaricare il DOCUMENTO INFORMATIVO  e conoscere tutte le informazioni necessarie.

 

LEGGI ANCHE:  Lavoro a Bruxelles per la Camera di Commercio Americana in Europa

Scadenza

27 febbraio 2018

 

 

 

  • comments powered by Disqus