Magazine

Lavorare con il diploma: quale indirizzo scegliere?

Redazione

La scelta della scuola superiore è un passo importante nella vita di un adolescente. Spesso si tende a sottovalutarla, pensando che non possa influire sul proprio futuro; tuttavia, non è così.

 

La scelta deve essere ben ponderata, tenendo conto sia alle proprie caratteristiche personali sia alle aspirazioni future, tenendo conto anche di fattori esterni come il mercato del lavoro, quali sono i settori più proficui e quante probabilità ci sono di poter trovare un impiego in un determinato settore, considerando sempre che lo scenario potrebbe mutare da un momento all’altro.

 

È inoltre fondamentale considerare che ormai, nell’ottica della multidisciplinarietà, non si è più “ingabbiati” nel titolo conseguito, in quanto le aziende cercano sempre di più soggetti con competenze trasversali.

 

 

I migliori diplomi per trovare lavoro

Ma quali sono i migliori diplomi per inserirsi nel settore lavorativo con facilità?

Senza dubbio, gli istituti tecnici e professionali permettono di avere un impiego prima rispetto ai licei, che richiedono, nella maggior parte dei casi, di continuare gli studi conseguendo anche una laurea.

 

Le offerte di lavoro per diplomati delle imprese, inoltre, sono specifiche per chi ha anche delle competenze pratiche, cosa che i licei spesso non offrono.

 

Anche analizzando i dati Eurostat è possibile riscontrare la costante ricerca dei diplomati in questi specifici settori, ciò significa che con diplomi simili è alta la possibilità anche di trovare impiego in altre parti d’Europa.

 

 

Il diploma in amministrazione finanza e marketing

Amministrazione, Finanza e Marketing è un indirizzo presente negli istituti tecnici orientato al settore economico.

 

Si tratta di un indirizzo scolastico recente, che è stato  introdotto dalle riforme recenti per rispondere ai cambiamenti del mondo del lavoro, e rappresenta uno sviluppo dell’ex ragioneria, ovvero l’Istituto Tecnico Commerciale.

 

Gli iscritti a questo indirizzo, affrontano discipline che permettono di comprendere sia i fenomeni economici nazionali che internazionali, le norme del nostro ordinamento giuridico e di quello europeo, le lingue straniere, l’amministrazione e l’organizzazione di una azienda ed i principi del marketing.

 

Gli sbocchi per chi studia amministrazione, finanza e marketing alle superiori sono molteplici, in quanto l’istituto scolastico mira ad insegnare competenze pratiche già durante le lezioni, e chi termina il periodo formativo può spendere le proprie competenze in maniera più immediata rispetto agli studenti dei licei.

 

Il diplomato in questo settore, infatti sa intervenire nella pianificazione, nella gestione e nel controllo delle aziende; sa promuovere l’azienda e migliorare la qualità e la sicurezza dell’ambiente lavorativo; è in grado di trovare soluzioni innovative per l’attività aziendale, e utilizzare le tecnologie utili nel settore.

 

Si può trovare un impiego sia nelle organizzazioni pubbliche  che in quelle private, negli uffici legali, nelle aziende che si occupano di trasporti, di import ed export, nel settore commerciale oppure negli enti presenti sul territorio, nel settore assicurativo, nelle relazioni internazionali, nella contabilità.

 

Nel 2017, i contratti attivati per questo settore sono stati più di 250 mila, ovvero il 18% della complessiva richiesta di diplomati.

 

Ovviamente, dopo aver conseguito il diploma in amministrazione finanza e marketing ci si può iscrivere anche all’università per continuare il proprio percorso di studi.

 

Le facoltà più indicate sono quelle correlate al settore dell’economia, scienze dell’amministrazione e dell’organizzazione, marketing, comunicazione, ma anche scienze giuridiche, politiche oppure giurisprudenza.

 

In qualsiasi caso, il diploma in amministrazione finanza e marketing offre le conoscenze preliminari necessarie ad affrontare questa tipologia di studi universitari.

 

 

Diploma alberghiero

Il diploma nel settore alberghiero consente di trovare un impiego nei servizi enogastronomici, dell’accoglienza e dell’ospitalità alberghiera, a seconda della specializzazione.

 

Infatti, questo tipo di istituto scolastico offre diversi percorsi agli studenti che vogliono diventare chef, baristi, pasticcieri, oppure occuparsi della sala.

 

Oltre alle materie pratiche, il percorso di studi alberghiero insegna a riscoprire le tradizioni e la cultura del territorio, senza dimenticare di gettare uno sguardo oltre i confini nazionali.

 

Secondo un report stilato da excelsior, gli addetti nelle attività di ristorazioni sono tra le professioni più richieste, ed in generale il settore dell’ospitalità è in costante crescita sul territorio nazionale; e, se fino a qualche tempo fa le imprese operanti in questo settore prendevano in considerazione anche candidati privi di competenze specifiche, attualmente non è più così.

 

La costante competizione sul mercato impone di rivolgersi sempre più spesso a profili preparati in maniera idonea e con un diploma che sia in grado di accertarle.

 

 

I settori dove scarseggiano i diplomati

Esistono alcuni diplomi apparentemente sottovalutati, scelti da pochi studenti; ma che, tuttavia, garantiscono importanti sbocchi lavorativi. Infatti, le aziende richiedono esperti in determinati settori ma sembrano aver fatica a reperirli.

 

Ad esempio, le imprese hanno riscontrato una carenza di diplomati nel settore moda, da impiegare come operai addetti a macchinari per il confezionamento della stoffa, modellisti e sarti, commessi al minuto e dimostratori.

 

I diplomati nel settore moda, infatti, vengono ricercati dalle industrie del tessile e dell’abbigliamento con diverse tipologie di mansioni, specialmente nel nord Italia dove vi è un fiorente settore tessile.

 


  •