Magazine

Isole Faroe: 10 cose da vedere e da fare sulle selvagge isole danesi

isole faroe cosa vedere
Redazione

Le Isole Faroe sono una meta imperdibile per tutti gli amanti della natura e dei paesaggi nordici. Ecco 10 cose da vedere e da fare

Sulle Isole Faroe cosa vedere non è difficile da capire: tutto, potenzialmente. La bellezza paesaggistica dell’arcipelago danese è apprezzabile praticamente ovunque e vale di per sé un viaggio in queste terre lontane.




Tuttavia, è chiaro che per organizzare un viaggio – qualsiasi sia la destinazione – è bene avere un’idea dei principali luoghi di interesse e delle attività che si possono fare per scoprire il paese più da vicino.




In questo articolo trovi alcuni consigli su cosa vedere e cosa fare sulle Isole Faroe. Prima, però, alcune informazioni pratiche.

Isole Faroe - Gjógv

Isole Faroe dove si trovano

Le Isole Faroe (Fær Øer) sono un arcipelago di 18 isole vulcaniche situato nell’Oceano Atlantico del Nord, tra l’Islanda e la Norvegia e a nord della Scozia.



Fanno parte del Regno di Danimarca, ma la politica interna è regolata da un governo autonomo.

Screenshot: Google Maps

Isole Faroe come arrivare

È possibile arrivare sulle Isole Faroe in aereo, presso l’aeroporto di Vágar, o via mare (da Islanda e Danimarca).



Per il trasporto via traghetto, la compagnia di riferimento è Smyril Line. I voli, invece, sono effettuati dalle compagnie Atlantic Airways e Scandinavian Airlines e partono da Reykjavik, Edimburgo, Bergen, Copenaghen e Parigi.

Isole Faroe cosa vedere e cosa fare: 1-5

1. Visitare l’isola di Mykines e la colonia di pulcinelle di mare

Mykines (pronunciato Mitch-in-iz) è l’isola più occidentale dell’arcipelago delle Faroe ed è un luogo di riproduzione per una vasta gamma di uccelli marini migratori, tra cui l’incredibilmente carina e goffa pulcinella di mare.



Questa specie è solita nidificare nella zona più occidentale dell’isola. Seguendo il sentiero che porta al faro sulla punta dell’isola (con un’escursione di circa 3-4 ore tra andata e ritorno) è possibile passare attraverso i nidi di pulcinella di mare e osservarli nel loro habitat naturale.

2. Vedere il lago di Sørvágsvatn, sull’isola di Vágar

Sørvágsvatn è il lago più grande delle isole Faroe. È molto famoso per via di un’illusione ottica che si crea quando lo si osserva da certe angolazioni, per cui il lago sembra sospeso sul mare sottostante.



La passeggiata verso il famoso punto panoramico inizia a Midvágur e si impiega circa un’ora per raggiungere il punto di interesse principale: la vista sulle scogliere e sul lago. Il tempo può essere molto variabile (come in tutto il resto delle Isole Faroe), quindi porta vestiti caldi e una giacca impermeabile per ogni evenienza

3. Gásadalur e le cascate di Mulafossur 

isole faroe cosa vedere
Photo by Marc Zimmer on Unsplash

Forse la più famosa di tutte le attrazioni faroesi è la splendida cascata Múlafossur, situata appena a sud del villaggio di Gasadalur.



Il villaggio si trova nel mezzo di questo bellissimo scenario di montagne imponenti e campi erbosi, che fanno da sfondo perfetto alla famosa cascata.



La scena che si crea è un tipico quadretto faroese, con piccole case ricoperte di erba e un’atmosfera che sembra essersi fermata nel tempo.

4. Kalsoy e il famoso faro di Kallurin

faro di Kallurin - isole Faroe
Photo by Dylan Shaw on Unsplash

L’isola lunga e sottile di Kalsoy si trova nella parte settentrionale dell’arcipelago delle Isole Faroe ed è famosa per il faro di Kallurin, posizionato su quello che sembra il confine del mondo, arroccato su scogliere spettacolari sull’Atlantico del Nord.



L’escursione per raggiungere il faro è facile e dura solo un’ora. La passeggiata al faro e l’esplorazione della stessa isola sono un must delle Isole Faroe.

5. Gjogv

Le Isole Faroe sono costellate di bellissime cittadine, tra cui la pittoresca Gjogv, che si trova sulla punta settentrionale dell’isola di Eysturoy, a circa 1 ora e mezza da Tórshavn.



Gjogv si trova in una valle attraversata da un torrente, ed è famosa per i piccoli cottage di legno che punteggiano il paesaggio e, soprattutto, per la sua gola panoramica di 200 m – uno dei migliori porti naturali delle Isole Faroe, fondamentale per l’industria della pesca della città, un tempo fiorente.

Isole Faroe cosa vedere e cosa fare: 6-10

6. Partecipare a ÓLAVSØKA – il Festival di Sant Olaf

Se stai cercando una vera esperienza culturale faroese, assicurati di visitare le isole a luglio, quando si celebra la festa nazionale di Ólavsøka.



Ólavsøka ha origine in Norvegia e iniziò come festa commemorativa del re norvegese Olaf il Santo (Olaf II di Norvegia), ucciso nella battaglia di Stiklestad il 29 luglio 1030.



Si ritiene che la sua morte abbia contribuito alla successiva cristianizzazione della Norvegia e anche delle Isole Faroe.



Ogni anno, i locali provenienti da tutti gli angoli delle Isole Faroe scendono a Tórshavn vestiti con i loro colorati abiti tradizionali faroesi per un fine settimana di festeggiamenti, che includono attività culturali, musicali e sportive, come la combattutissima gara nazionale di canottaggio.

7. Andare in Kayak nell’Oceano Atlantico

Per gli spiriti più avventurosi, un’escursione guidata in Kayak potrebbe essere un’esperienza indimenticabile da fare alle isole Faroe.



È possibile prenotare un’uscita guidata in Kayak in diversi punti delle isole (come Tórshavn, Bøur, Klaksvik, Kalsoy, Sundalagið e Funningsfjørður) con l’organizzazione NAX (North Atlantic Xperience).



NAX fornisce anche tutta l’attrezzatura necessaria, inclusi kayak, borse impermeabili e mute in grado di resistere alle gelide acque dell’Atlantico del Nord.

8. La capitale Tórshavn e il suo centro storico: Tinganes

Tórshavn si trova sulla costa sud-orientale dell’isola di Streymoy e ospita circa 15.000 abitanti (sì, è piuttosto piccola!) e, anche se potrebbe non essere la capitale più vivace d’Europa, vale sicuramente la pena trascorrerci almeno un giorno.



Tinganes, il centro storico, risale al 1400. Passeggia tra le stradine e i passaggi stretti e tortuosi pieni di tipiche case faroesi: edifici di legno o pietra con tetto in erba, ancora oggi utilizzati dalla gente del posto.



Oltre al centro storico, è piacevole passeggiare lungo il coloratissimo porto, dove si trovano anche i migliori ristoranti per assaggiare i prodotti locali – come il salmone affumicato.

9. Visitare l’isolatissimo paesino di Saksun

Saksun village
Photo by Marc Zimmer on Unsplash

Il minuscolo villaggio di Saksun si trova in un fiordo isolato nella natura incontaminata e ospita 14 abitanti.



Data la sua atmosfera suggestiva, il villaggio è diventato una sorta di tormentone su Instagram negli ultimi tempi (un po’ come il resto delle Isole Faroe) – causando anche problemi di convivenza tra i turisti e gli abitanti locali.



Al di là dei paesaggi e delle case fotogeniche, però, Saksun ha molto da offrire a chi ama camminare in mezzo alla natura. Ci sono, infatti, una serie di sentieri escursionistici che ti portano in alto, fin sopra il villaggio, offrendo viste incredibili sul fiordo e i dintorni.



Se ti rechi a Saksun, ricorda di rispettare la proprietà privata e la privacy dei suoi abitanti – non è un set fotografico, ma la casa di qualcuno!

10. Fossá – la cascata più alta delle isole Faroe

Con i suoi 140 m di altezza, Fossá è la più alta delle oltre 18.000 cascate delle Isole Faroe. Dopo forti piogge, diventa come le cascate Islandesi: scroscianti su più livelli, inondando l’area circostante di una fitta nebbia.



C’è un breve sentiero che si può seguire per arrivare fino alla base delle cascate; tuttavia, se le cascate si ingrossano, è quasi impossibile arrivare così lontano.



La cascata di Fossá si trova a circa un’ora a nord di Tórshavn, sull’isola di Streymoy, ed è una tappa perfetta per chiunque visiti le isole settentrionali.


Se ti affascinano i paesi nordici…

Potrebbero interessarti anche questi articoli di viaggio e cultura sui paesi del Nord Europa:

Fonte: The Common Wanderer

Laureata in Scienze Linguistiche, grazie ai programmi Erasmus ha vissuto in Irlanda, Danimarca e Belgio. Per Scambieuropei scrive articoli su Erasmus, lingue straniere, esperienze all’estero, formazione e curiosità dal mondo.