Magazine

Festività indiane: Diwali, la festa della luce

festività indiane diwali luci
Redazione

Tra le festività indiane ce n’è una che celebra la vittoria del bene sul male: Diwali, la festa della luce

 

Diwali, o Deepawali, è tra le festività indiane quella che che potremmo associare, per importanza, al Natale cristiano. La festa dura cinque giorni e cade sempre tra il mese di ottobre e quello di novembre.

 

Le date variano a seconda delle fasi lunari. Il giorno di Diwali combacia con il 15esimo giorno di Kartik, il mese più sacro del calendario lunare induista.

 

Diwali viene anche chiamata la festa della luce per via dell’usanza di accendere numerose lampade di argilla fuori dalle case per simboleggiare la luce interiore che protegge dall’oscurità e dal male. Diwali, infatti, è anche la festa che celebra vittoria del bene sul male.

 

Col passare degli anni, Diwali è entrata a tutti gli effetti nelle festività indiane nazionali. Oggi è quindi celebrata non solo dagli induisti, ma anche da giainisti, buddisti e sikh. La divinità al centro di questa festa indiana è la dea Lakshmi, ma ogni giorno del Diwali ha un significato particolare.

 

festa indiana diwali

 

Festività indiane: le cinque giornate di Diwali

 

  • Primo giorno: Dhanteras

“Dhan” significa ricchezza e “teras” si riferisce al tredicesimo giorno di due settimane lunari sul calendario indù.

Secondo la credenza, in questo giorno la dea Lakshmi è uscita dalle acque turbolente dell’oceano, e oggi viene accolta con uno speciale puja (rituale).

 

Questa giornata è dedicata alla celebrazione della prosperità. Di conseguenza, è tradizione acquistare oro e riunirsi per giocare a carte e fare scommesse. I medici ayurvedici onorano anche Dhanvantari, un’incarnazione del dio Vishnu che ha portato l’Ayurveda al genere umano sempre in questo giorno.

 

 

  • Secondo giorno: Naraka Chaturdasi 

Anche detto Chooti Diwali (piccolo Diwali). Si crede che in questo giorno la dea Kali e il dio Krishna abbiano distrutto il demone Narakasura. A Goa, per festeggiare, vengono bruciate effigi di demoni.

 

dea indiana lakshmi

 

  • Terzo giorno: Amawasya

Questo giorno della festività indiana combacia con la luna nuova ed il giorno più importante di Diwali nell’India settentrionale e occidentale. In questo giorno si adora Lakshmi con uno speciale puja eseguito la sera.

 

Anche la dea Kali è di solito venerata in questo giorno nel Bengala Occidentale, Odisha e Assam (anche se a volte Kali Puja cade un giorno prima a seconda del ciclo lunare).

 

 

  • Quarto giorno di Diwali: 

Questa giornata ha vari significati in tutta l’India. Nel nord del paese, Govardhan Puja è celebrato come il giorno in cui il dio Krishna ha sconfitto Indra, il dio del tuono e della pioggia.

 

luci diwali india

 

In Gujarat, invece, è celebrato come l’inizio di un nuovo anno. Nel Maharashtra, nel Karnataka e nel Tamil Nadu, la vittoria del dio Vishnu sul re dei demoni Bali è celebrata come Bali Pratipada o Bali Padyami.

 

 

  • Quinto giorno: Bhai Duj

È dedicato alla celebrazione delle sorelle, in modo simile a quello dedicato a Raksha Bandhan. Fratelli e sorelle si riuniscono e condividono il cibo, per onorare il legame tra loro.

 

 

Se ti è piaciuto questo articolo sulle festività indiane…

Leggi anche dell’esperienza di volontariato in India di Simona oppure scopri tutto ciò che c’è da sapere sui visti per viaggiare in India.

 

 

 

Fonti: tripsavvy, ANSA

 

  • 
  •