Magazine

Le 10 città da visitare nel 2019 secondo Lonely Planet

Redazione

Anche quest’anno Lonely Planet ha pubblicato la sua top 10 delle città da visitare nel 2019. Scopri la classifica insieme a noi!

 

Il nuovo anno è ormai arrivato e con esso anche la possibilità di viaggiare e scoprire nuovi posti. Lonely Planet, il colosso delle guide di viaggio, ha stilato la sua solita classifica delle migliori 10 città da visitare nel 2019.

 

Dal Nepal al Marocco, scopri insieme a noi le città da visitare assolutamente nel 2019!

 

 

10) Meknès, Marocco

 

Il famigerato sultano guerriero che trasferì la capitale del Marocco a Meknès nel 1672 si sarebbe girato nella tomba se avesse saputo quanti pochi visitatori la città oggi avesse rispetto a Fez e Marrakesh.

 

Moulay Ismail saccheggiò i palazzi di Marrakesh e le rovine romane della vicina Volubilis per ottenere la pietra e il marmo per costruire fortificazioni spesse che ancora racchiudono la città, giganteschi negozi di cibo sotterranei e un magnifico bab (cancello) per eclissare persino la Porta Blu di Fez. Nel cuore della città, l’elaborato mausoleo di Ismail è un tesoro nazionale e la sua riapertura è prevista a breve, dopo un restauro da cima a fondo durato due anni, dando ai viaggiatori più motivi che mai per visitare questa sottovalutata città imperiale.

 

 

9) Zara, Croazia


Photo credit: Tim Ertl on Visualhunt.com / CC BY-NC-ND

 

Zara è risorta dalle ceneri del suo passato pieno di guerre ed è sbocciata in una vivace città cosmopolita. Passeggia nel vecchio labirinto di luminose strade in marmo della città vecchia alla scoperta di bar alla moda e caffè rilassanti, antiche rovine romane, musei innovativi e ristoranti rustici in stile trattoria.

 

La vera fenice della trasformazione di Zara è la sua sognante passeggiata sul lungomare, dove decine di locali si riuniscono per ascoltare i rintocchi magici dell’organo marino o crogiolarsi nelle illuminazioni ipnotiche del saluto al sole. La piccola statura di Zara collega istantaneamente i viaggiatori alla vita e alla cultura locale, con qualsiasi paura di claustrofobia presto dissipata dalle ampie vedute dell’Adriatico.

 

 

8) Seattle, USA

 

Smart, progressista e carica di energia creativa, Seattle è raramente fuori dal riflettore globale. In una città che ha l’abitudine di trasformare idee locali in marchi internazionali, Amazon è l’attuale star da prima pagina.

 

Il più grande rivenditore online del mondo ha trasformato radicalmente un vasto tratto del quartiere del Triangolo di Denny, creando un denso distretto commerciale con eleganti torri piene di uffici tenute insieme da un trio di innovative “sfere” di vetro dove gli impiegati condividono lo spazio ufficio con 40.000 piante. Nelle vicinanze, l’emblematico Space Needle ha ricevuto la sua più grande ristrutturazione da oltre 50 anni, mentre sul lungomare un tunnel da molti miliardi di dollari ha sostituito una brutta superstrada di cemento.

 

 

7) Dakar, Senegal

Photo credit: Jeff Attaway on VisualHunt.com / CC BY

 

Una delle città più dinamiche dell’Africa, Dakar offre un mix vertiginoso di spiagge baciate dal sole, mercati colorati e locali notturni alimentati da mbalax, dove i festaioli tutti in tiro emergono nella luce del primo mattino mentre la prima chiamata alla preghiera echeggia sul paesaggio tropicale.

 

Nonostante le sue innumerevoli attrazioni, la capitale del mare del Senegal è stata a lungo trascurata da molti viaggiatori. Ma tutto ciò è destinato a cambiare, dal momento che la città si sta posizionando come nuovo hub di viaggio nell’Africa occidentale. Ad aprire la strada è la recente inaugurazione di un aeroporto internazionale nuovo di zecca, un investimento da 600 milioni di dollari i cui lavori sono durati più di 10 anni.

 

 

6) Città del Messico, Messico

 

La capitale messicana testimonia secoli di design architettonico e movimenti artistici. Gli edifici preispanici degli Aztechi sorgono dal terreno soffice della città, mentre le cattedrali coloniali si ergono imperturbabili e meraviglie moderne come il Museo Soumaya brillano nel sole sempre presente.

 

Per queste ragioni, e altre ancora, Città del Messico è stata nominata World Design Capital nel 2018. CDMX (Ciudad de México) è la sesta città e la prima nelle Americhe a detenere il titolo. Mentre cresce la classe creativa, essa abbraccia anche l’influenza di tradizioni secolari, dimostrando che il design è uno strumento efficace per lo sviluppo economico, sociale e culturale.

 

 

5) Kathmandu, Nepal

 

All’indomani del terremoto del 2015, le notizie di Kathmandu hanno mostrato una città distrutta e in lutto, ma oggi la narrazione è tutta una questione di ricostruzione e ringiovanimento. Certo, c’è del lavoro da fare per restaurare i magnifici monumenti che si sono sgretolati durante il disastro, ma i siti storici sono tornati alla loro gloria passata, e provvedimenti atti a calmare il famigerato traffico della città, lo smog e il rumore hanno reso Kathmandu più vivibile di quanto lo sia stata in decenni. C’è anche un’affidabile elettricità e il wi-fi come bonus comfort nei vicoli labirintici ricchi di atmosfera della città vecchia.

 

 

4) Miami, USA

Famosa per le sue bellissime spiagge e la vivace vita notturna, Miami ha da tempo affascinato i viaggiatori alla ricerca di una fetta di paradiso tropicale mentre il resto del Nord America trema per il freddo. Sebbene la Città Magica sia ancora una bella fuga d’inverno, negli ultimi anni Miami si è trasformata in un fiorente centro per le arti, una destinazione da buongustai e un innovatrice nel design urbano.

 

Il centro di Miami continua il suo ringiovanimento con l’arrivo di un famoso museo scientifico da 305 milioni di dollari, mentre il Design District è diventato un polo culturale con nuove architetture accattivanti (tra cui il Museo del Garage e l’Institute of Contemporary Art), installazioni d’arte pubbliche e un’ampia programmazione culturale.

 

 

3) Novi Sad, Serbia

 

Elegante ma alla mano, Novi Sad si crogiola sotto i riflettori, sfidando il suo status di “seconda città” della Serbia e soddisfando con fierezza le aspettative che derivano dal suo appellativo. Il “New Garden” serbo ospita il festival rock EXIT, la cui ventesima edizione coincide con il periodo della città come capitale europea dei giovani del 2019.

 

Per celebrare questo risveglio, la Città Bassa della Cittadella di Petrovaradin sta subendo un “lifting”, e la fatiscente Chinatown è sbocciata in un distretto di cultura alternativa. Pieno di energia creativa, il nuovo Gradić Fest sta rinvigorendo Petrovaradin attraverso la musica, il cinema, il teatro e l’arte, mentre Novi Sad si prepara ad indossare un’altra corona, quella della capitale europea della cultura del 2021.

 

 

2) Shēnzhèn, Cina

 

Benvenuti nella città più innovativa della Cina, Shēnzhèn, la “Silicon Valley” della Cina. Attirati dalle sue nuove aperture di design e innovazione tecnologica, i creativi sciamano a Shēnzhèn, appena oltre il confine con Hong Kong, nella Cina continentale.

 

Precedentemente nota come un’alternativa meno costosa per la vita notturna di Hong Kong, Shēnzhèn ha ora una scena musicale indiscussa, caffè alla moda, un piccolo contingente di birrai artigianali e un intero distretto artistico sorto dai resti di ex magazzini. Gli ultimi tre anni hanno visto le aperture della Design Society, in collaborazione con il V & A museum di Londra, così come il Museum of Contemporary Art & Planning Exhibition (MOCAPE) e il villaggio artistico heritage OCT-LOFT.

 

 

1) Copenaghen, Danimarca

 

La capitale danese della moda è inarrestabile. Il ristorante Noma, centro della cucina “new-nordic”, manda in estasi le buone forchette con le sue nuove sedi, fattorie urbane e menu scandinavi rivoluzionari. La fiorente scena dello street food della città colpisce forte a Refshaleøen, dove un ex cantiere navale è stato riaperto a mercato alimentare e artigianale di Reffen.

 

Il parco divertimenti di Tivoli sta battendo la tristezza invernale con una nuova stagione di apertura a febbraio, mentre il centro di gestione dei rifiuti Amager Bakke lascia le persone a bocca aperta con le sue piste da sci e sentieri escursionistici sul tetto. Il Danish Architecture Center si è spostato nel centro culturale di Ellen van Loon, BLOX, mentre il completamento della linea metropolitana di Cityringen previsto a metà del 2019 significherà ancora più facili avventure attraverso la città.

 

 

 

 

Fonte: Lonely Planet

  • 
  •