Magazine

Le 11 capitali europee più economiche da visitare

Redazione

Vuoi viaggiare ma sei sempre al verde? Ecco la lista delle 11 capitali europee più economiche!

 

Viaggiare, un’ambizione che per tanti ragazzi spesso si trova a cozzare con un’endemica mancanza di budget. La realtà è che viaggiare costa, a volte anche parecchio. Non bastano, infatti, voli low costostelli economici ad abbattere le spese di una vacanza. Capita che, pur cercando di fare attenzione a tutto, vi siano città drammaticamente costose, che obbligano anche il più parco dei turisti a spendere parecchio.

 

Far fronte a questo genere di viaggi può essere davvero arduo. Ma allora viaggiare spendendo poco? Per aiutarvi, abbiamo trovato un articolo molto interessnte di Wanderu, un sito americano che si occupa, indovinate un po’, di viaggi. Wanderu ha stilato una lista delle capitali europee, ordinandole dalla più economica alla più cara, considerando il prezzo di alberghi, pasti, birra e taxi.

 

Il costo degli Hotel è da intendersi come prezzo medio per una notte in una stanza singola nei 10 alberghi  con il miglior rapporto qualità-prezzo del servizio. La voce Mangiare si riferisce al prezzo di un pasto completo di tre portate per una persona in un ristorante di media qualità (per intenderci: né alta cucina, né fast food). Con la voce Birra si fa riferimento al prezzo medio di mezzo litro di birra locale alla spina. Il prezzo dei Taxi corrisponde a 1 km di corsa.

 

Scopriamo dunque quali sono le 11 capitali europee più economiche!

 

 

11. Sarajevo, Bosnia-Erzegovina

 

Ecco una città dell’ex Jugoslavia il cui nome ci porta alla mente davvero brutti ricordi. Chiaramente Sarajevo è molto di più di questo, ma, come Belgrado, il suo appeal turistico fatica a decollare. Eppure la città, incastonata tra le montagne, è davvero meravigliosa: la vecchia città musulmana si interseca con il moderno centro cittadino, creando un atmosfera calda, affascinante ed accogliente. Questa città è una vera gemma nascosta, che non aspetta davvero altro di essere scoperta.

Hotel: € 77,61
Mangiare:
 € 10,52
Birra:
€ 1,58
Taxi:
€ 0,53

 

 

10. Bucarest, Romania

 

Forse non sarà la più turistica città rumena, ma Bucarest ha molto da regalare ai turisti, soprattutto la città vecchia. E i prezzi sono davvero stracciati, anche quelli degli ostelli. Questo, combinato con lo scarso appeal della meta, renderà la vostra visita economica e molto tranquilla. Oltre alla parte vecchia, anche il Parlamento merita di essere visitato.

Hotel: € 72,31
Mangiare: € 13,25
Birra: € 1,55
Taxi: € 0,37

 

 

9. Belgrado, Serbia

 

Tutti siamo a conoscenza della distruzione e degli orrori di cui l’odierna capitale serba è stata teatro negli anni ’90. Oggi Belgrado è una città che tenta con forza di risollevarsi, anche se fatica ancora ad attrarre consistentemente i turisti a causa del suo recente passato. Questa città non offrirà ai suoi visitatori un estrema abbondanza di luoghi da visitare, ma può comunque vantare un centro cittadino vivibile e molto grazioso, oltre a una vita notturna piuttosto movimentata. Questo, assieme a dei prezzi veramente stracciati, la rendono una meta molto appetibile per i viaggiatori più squattrinati.

Hotel: € 73,11
Mangiare: € 13,08
Birra: € 1,57
Taxi: € 0,56

 

 

8. Sofia, Bulgaria

 

Sofia è sempre un fantastico affare tra le capitali europee, soprattutto perché oltre ai costi modici è anche davvero colma di attrazioni e monumenti. Il centro cittadino è davvero bello e accogliente, ei prezzi di quasi ogni cosa sono davvero bassi. Una sola red flag: attenti ai voli interni davvero costosi, fatto che rende Sofia un po’ scomoda per chi voglia visitare non solo la capitale ma anche le altre località turistiche che la Bulgaria ha da offrire.

Hotel: € 70,11
Mangiare: € 11,83
Birra: € 1,05
Taxi: € 0,42

 

 

7. Minsk, Bielorussia

 

Se non fosse per la massiccia presenza di polizia, non diresti mai che questo paese è sotto una “dittatura” (con il Presidente della Repubblica ormai in carica dal 1994). Camminando lungo la riva del fiume Svislach, le chiese luminose si riflettono sull’acqua e le persone fanno jogging in tutta tranquillità. La città fu completamente distrutta durante la seconda guerra mondiale, quindi quasi tutto fu ricostruito dall’occupazione sovietica.

Hotel: € 64,65
Mangiare: € 15,50
Birra: € 1,35
Taxi: € 0,31

 

 

6. Tirana, Albania

 

Stalinismo: non esattamente noto per la sua architettura colorata. Ecco perché quando l’Albania finalmente emerse da dietro la cortina di ferro, prese gran parte del paesaggio cupo e brutale della sua capitale e lo esaltò con colori vivaci. Il risultato sono state strade che sembrano nate dall’incontro tra il comunismo e i Caraibi, dove i vecchi palazzi sono stati ristrutturati in rosso, verde e arancione per dare alla città un po’ di vita. Vale anche la pena visitare la Piramide di Tirana, una piramide abbandonata costruita dalla figlia del dittatore Enver Hoxha che ora è coperta da graffiti colorati e slogan politici

Hotel: € 66,94
Mangiare: € 11,31
Birra: € 1,22
Taxi: € 0,81

 

 

5. Chisinau, Moldavia

 

Ignora per un secondo che la birra a Chisinau rimarrà per sempre a prezzi universitari e fermati ad apprezzare il vero affare in questa città: i trasporti. Il trasporto pubblico più economico in Europa costa solo circa 12 centesimi per viaggiare, e i taxi, sempre i più economici, costano 16 centesimi al chilometro. Fondamentalmente, questo significa che puoi goderti tutta la birra da 85 cent e il fantastico vino che vuoi e non avrai bisogno di fare attenzione a quanto spendi per tornare a casa. Questo è … il massimo della bellezza di Chisinau, visto che la maggior parte della città assomiglia ancora all’Europa dell’est dell’era sovietica.

Hotel: € 65,17
Mangiare: € 10,63
Birra: € 0,85
Taxi: € 0,16

 

 

4. Erevan, Armenia

 

Poche persone hanno probabilmente sentito parlare di Erevan, e ancor meno sanno che in realtà è più antica di Roma. Questa città di 2.800 anni è una striscia di edifici rosa incastonata in una foresta verde, con le montagne caucasiche in lontananza. Si tratta di quel tipo di città di cui si vede un’immagine e si chiede “Dov’è questo posto?!

 

Dal momento che il paese è rimasto in uno stato politicamente turbato dalla caduta del comunismo, solo dopo la “Rivoluzione di velluto” dello scorso anno l’Armenia ha avuto un governo che incoraggiasse le imprese creative e il turismo. Quindi, anche se il mondo non sta ancora facendo la fila per venire proprio qui, è solo una questione di tempo prima che questa diventi una tra le destinazioni più gettonate dell’Europa dell’Est.

Hotel: € 63,76
Mangiare: 
€ 11,07
Birra:
€ 1,11
Taxi:
€ 0,18

 

 

3. Podgorica, Montenegro

 

Come molte città dell’Europa dell’Est, l’architettura nella montagnosa capitale del Montenegro lascia molto a desiderare. Ma negli ultimi vent’anni gli artisti hanno ravvivato le strade con i graffiti, e c’è una vivace cultura dei caffè, che rende Podgorica chiaramente europea. E ‘anche solo a circa 50 km dal mare Adriatico e ha sentieri escursionistici che partono dalla periferia della città, quindi se stai cercando di esplorare la diversità geografica del Montenegro e vuoi godere del secondo hotel più economico in Europa, Podgorica è la città ideale.

Hotel: € 58,99
Mangiare: € 12,86
Birra: € 1,55
Taxi: € 0,47

 

 

2. Pristina, Kosovo

 

È difficile definire una ragione specifica per cui uno dovrebbe scomodarsi per visitare Pristina, ma ha alcuni dei migliori caffè in Europa e il secondo più economico a €1,03. È anche sede di uno dei pochi esempi veramente degni di nota di architettura brutalista presso la Biblioteca Nazionale del Kosovo. È una serie di blocchi ricoperti di tralicci metallici, che danno l’aspetto di una fortezza avvolta nella rete di un insetto dall’esterno e una sensazione quasi da prigione dall’interno. È stata chiamata la libreria più brutta del mondo, ma, per gli appassionati di architettura “unica”, è assolutamente da visitare.

Hotel: € 61,82
Mangiare: € 7,72
Birra: € 1,55
Taxi: € 0,52

 

 

1. Skopje, Macedonia 

 

La capitale più economica in Europa non è, sorprendentemente, quella con le camere d’albergo più economiche. Un pasto completo e delle birre ti costeranno meno di 20€, e probabilmente puoi fare un intero fine settimana per meno (o molto meno) di €200. È una delle città più surreali d’Europa, dove gli edifici neoclassici lungo il fiume Vardar sembrano vecchi centinaia di anni, ma risalgono solo al 2010.

 

Skopje ha anche statue letteralmente ovunque: non è affatto raro che in una strada ce ne siano più che persone, e ne vedrai da 20 a 30 in qualsiasi punto della città. C’è anche un bazar del Medio Oriente che è vecchio per davvero, il secondo più antico d’Europa dopo Istanbul. È economica, visivamente affascinante, e nel complesso è un viaggio che vale la pena fare. E, per i suoi prezzi, è sicuramente la città più divertente d’Europa.

Hotel: € 55,29
Mangiare: € 8,35
Birra: € 1,67
Taxi: € 0,42

 

 

 

Fonte: Matadornetwork

 

  • 
  •