Studio

Borse di studio per precursori che premiano il talento e la creatività

Redazione

Se affronti ogni sfida con determinazione e hai particolari competenze, in vari ambiti quali scientifici o sociale, potresti essere il candidato perfetto per una delle borse di studio della start-up berlinese Idealo. Che aspetti a candidarti?

 

Destinatari:  studenti di qualsiasi corso di laurea.

 

Descrizione dell’offerta

Il finanziamento con la “Borsa di studio per precursori” è un’ iniziativa della start-up berlinese Idealo. L’offerta rivolta a studenti che si distinguano in modo particolare per determinazione nel perseguire i proprio obiettivi.

Le borse di studio assegnate in totale sono 10, per un valore complessivo di 90.000 €.

 

Come partecipare

Puoi candidarti creando un video o scrivendo un breve testo. Lo scopo è quello di conoscere meglio il candidato e capire quali caratteristiche possano renderlo particolare.

Il testo deve essere non più lungo di 1000 caratteri (spazi inclusi). Per quanto riguarda il video, non dovrà essere più lungo di 1 minuto, e dovrà essere caricato su una delle piattaforme adatte (YouTube, Vimeo etc.).

 

 

 

Selezioni

La selezione si basa sul riconoscimento del talento, della creatività e dell’interesse all’ambito sociale dei candidati.   La giuria selezionerà dal 16 al 30 aprile tra tutti i candidati i 30 finalisti, dal 14 al 18 maggio avrà poi luogo negli uffici di Idealo internet GmbH la selezione finale, a cui saranno ivitati i finalisti.

I costi della trasferta verranno sostenuti da idealo internet GmbH.

 

Documentazione necessaria

  • Modulo per la candidatura (non si accettano candidature via email)
  • Video o testo
  • Curriculum vitae

 

Condizioni economiche

Ogni vincitore otterrà per un anno intero 750 € al mese e un Coaching studiato su misura.

 

Maggiori informazioni

Per maggiori informazioni sull’ente e l’offerta, o se volete candidarvi, potete cliccare sul form qui sotto.

 

 

Scadenza

15 aprile 2018

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  • comments powered by Disqus