Magazine

Animali Mitologici: le creature delle leggende e del folklore

animali mitologici
Redazione

Possono avere forme e caratteristiche diverse, ma sono sempre animali. Ecco i 10 animali mitologici più famosi!


Gli animali mitologi per secoli sono stati protagonisti di storie che hanno affascinato e terrorizzato gli esseri umani con la loro fisiologia innaturale e il loro potere mortale.


Le loro storie e i loro aspetti continuano tutt’ora a diffondersi e raggiungere l’immaginazione delle persone e sono vari i significati che si portano dietro.


In questo articolo, vi presenteremo 10 animali mitologici più conosciuti e più amati.



1. Drago

animali mitologici drago


I draghi sono mostri giganti alati simili a serpenti che sono presenti nei miti di tutto il mondo.


Nonostante ciò, la sua origine rimane tutt’ora un mistero e in base alle diverse culture ha un’origine e significato ben diverso.


Per esempio, alcuni dicono che i draghi non siano in realtà animali mitologici, ma piuttosto dinosauri estinti. In altre parti del mondo, come la Cina, i draghi invece sono delle vere e proprie divinità, mentre in altre rappresentano il male, spesso Satana.



2. Grifone


Rappresenta una miscela intimidatoria di due diversi predatori: leone e aquila. Tradizionalmente viene raffigurato con la testa, il corpo, la coda e le zampe posteriori di un leone, mentre le ali e gli artigli di un’aquila.


Ha probabilmente origine in Medio Oriente, ma diventa presto motivo popolare anche nella cultura dell’antica Grecia.


La leggenda narra che i grifoni erano guardiani di tesori e ricchezze e per questo venerati per la loro intelligenza e dedizione alla monogamia, ma potevano essere anche molto feroci.


3. Fenice


È una creatura mitica molto simile a un’aquila, conosciuta per la sua incredibile trasformazione in punto di morte: dopo essere scoppiata in fiamme, emerge dalle sue ceneri come giovane fenice.


Deriva da un antico mito egizio, in cui l’animale viene associato al culto del sole e raffigurato come grande uccello con le piume dorate e rosse che poteva vivere per centinaia di anni.


È simbolo di immortalità, eternità e resurrezione.



4. Basilisco


Il basilisco è chiamato anche “re dei serpenti“, in quanto creatura serpentina che può uccidere con il proprio sguardo, proprio come le Gorgoni del mito greco.


Si dice che abbia avuto origine nella tradizione italiana, mentre altri dalla mitologia greca.


Il suo aspetto viene costantemente cambiato nel corso dei secoli, dato che si dice fosse nato da un uovo di gallo dopo essere stato incubato da un rospo e quindi avere anche qualche caratteristica di un gallo.


Si ipotizza che i diversi modi per ucciderli siano sottoporli all’odore delle donnole, alla lacrimazione dei grifoni e mostrando loro il suo stesso riflesso.



LEGGI ANCHE: Mitologia giapponese: 5 miti e leggende dall’estremo oriente



5. Unicorno


Animale simile a un cavallo o a una capra con un solo corno è sicuramente uno dei più amati e rappresentati.


Dalla mitologia antica (in Mesopotamia, India, Grecia e Cina) fino all’età moderna le persone, in particolare i più piccoli, sono state affascinate da questa creatura così maestosa, che si dice avere proprietà curative.


6. Mostro di Loch Ness


Amichevolmente chiamato Nessi è un mostro che ha le sembianze di un plesiosauro, un dinosauro acquatico.


La sua origine risale ai tempi dei Pitti, una popolazione dell’antica Scozia, e le primi storie che ne testimoniano la sua presenza nel lago è iscritta in una bibliografia del missionario cristiano irlandese San Columba del 565 d.C.


A differenza di altri animali mitologici, Nessi non ha nessun potere e nonostante ciò, per molti anni l’umanità le ha dato la caccia. Molti dicono di averla vista, ma sono poche le certezze che testimoniano la sua effettiva esistenza.


7. Idra


Un’altra creatura mitica dell’antica Grecia, l’idra viene descritto come un gigantesco mostro simile a un serpente con molte teste, ognuna delle quali dissipava acido.


Nei racconti mitologici, tagliando una delle teste dell’Idra ne crescevano altre due al suo posto.


Prima della sua morte per mano di Ercole, l’Idra era nota per terrorizzare gli abitanti delle paludi di Lerna.



8. Chimera


Ha origine nella mitologia greca e spesso viene raffigurata come un leone sputafuoco fuso con una capra e un serpente. In altre versioni, è un animale con tre teste, quella del leone, capra e drago.


Oggi giorno il termine “chimera” viene usato in termini scientifici per descrivere qualsiasi creatura che sia un ibrido di più animali, spesso composto da parti selvaggiamente diverse.



9. Kraken



È una creatura che deriva dal folklore nordico e viene considerato uno dei mostri più spaventosi mai immaginati.


Nel folklore la sua descrizione varia, ma la sua forma più conosciuta è quella di un calamaro gigante basato su un animale gigante marittimo della mitologia norrena chiamato hafgufa.


Si dice che il kraken attaccasse i marinai che passavano vicino al suo territorio e che risucchiasse nelle profondità ghiacciate le navi e i marinai che vi erano sopra.


10. Roc



Secondo un mito popolare tra i viaggiatori e i mercanti, il roc era un gigantesco uccello da preda che si diceva essere così forte da poter strappare un elefante da terra.


Ha origine nelle favole e nella mitologia araba, ma raggiunge presto altre regioni.


Alcune leggende affermano che la sua apertura alare – tipicamente descritta come di circa 50 piedi – era così grande da poter oscurare il sole.


I ricercatori hanno suggerito che la leggenda del roc potrebbe essere parzialmente ispirata dagli avvistamenti dei cosiddetti “uccelli elefante“, una specie di uccelli massicci incapaci di volare che esistevano in Madagascar fino al 17° secolo.



LEGGI ANCHE: Mitologia Norrena: Miti e Racconti degli Dei nelle Leggende nordiche



Fonti: Parade, Popular mechanics, History