Magazine

5 strategie per superare lo shock culturale all’estero

Redazione

Trasferirsi in un altro Paese e decidere di sperimentare la vita al di fuori dai confini nazionali, per un
breve periodo o per un Gap Year, è una scelta molto coraggiosa.

 

Qualunque destinazione si scelga, che sia vicina o lontana da casa, ci si ritroverà di fronte a culture, usi e costumi differenti dai propri e questo potrebbe generare il cosiddetto “shock culturale”, ovvero un senso di disorientamento che si sperimenta quando ci si ritrova a vivere in un nuovo ambiente culturale e sociale.

 

 

 

Anche dei semplici modi di fare o lo stile di vita diverso, possono infatti portare a percepire un senso di
frustrazione iniziale.

 

Esistono 4 fasi dello shock culturale:

 

  • Euforia iniziale – “The Honeymoon Stage”, in cui tutto è nuovo ed eccitante e, se si parte per un breve periodo, questa fase potrebbe essere l’unica.

 

  • Ostilità – “The Negotiation Stage”, in cui gradualmente l’euforia si riduce e si inizia a sentirsi persi e sopraffatti.

 

  • Comprensione graduale – “The Adjustment Stage”, fase in cui ci si inizia a rilassare e le emozioni si stabilizzano. Si iniziano a comprendere le differenze culturali e si ha un atteggiamento positivo verso queste.

 

  • Adattamento o Biculturalismo – “The Mastery Stage”, ovvero la fase finale in cui si raggiunge un alto livello di comfort nel nuovo paese.

 

 

Adesso che sai cos’è e come riconoscerlo, puoi iniziare a programmare la tua nuova vita all’estero! Ti basterà soltanto seguire 5 strategie per superare lo shock culturale:

 

 

1. Scrivi ciò che ami al tuo primo arrivo

Durante l’“Honeymoon Stage”, annota tutte le cose che ami del tuo nuovo paese ospitante, come ad esempio il cibo, le attrazioni più o meno turistiche o i bar in cui ami trascorrere piacevoli momenti con i tuoi nuovi amici internazionali!

 

Se dovessi ritrovarti ad affrontare la seconda fase dello shock culturale, rileggi questo elenco per ricordare a te stesso tutte le cose belle del tuo paese ospitante. Questo ti aiuterà a restare positivo!

 

 

2. Spingiti per fare nuove amicizie con i locals

Facendo amicizia con i locals scoprirai tantissime curiosità sulla loro cultura e sul paese che ti ospita.

 

Se scegli di partire per un soggiorno studio all’estero Kaplan, ad esempio, ti ritroverai a stringere amicizie internazionali con studenti provenienti da tutto il mondo. Condividere le tue avventure e, perché no, anche le preoccupazioni con chi sta vivendo la tua stessa esperienza, ti aiuterà ad affrontarle al meglio.

 

 

3. Esplora

Se hai scelto di trasferirti all’estero vuol dire che sei molto coraggioso e hai tanta voglia di scoprire il mondo.

 

Non lasciare che le paure iniziali ti frenino: è la tua occasione! Esplora la città, organizza dei fine settimana o viaggi nelle principali attrazioni vicine a te e prova a scoprire qualcosa di nuovo ogni giorno.

 

 

4. Di’ di “sì!”

Il modo migliore per gestire lo shock culturale è mantenere una mente aperta e accogliere nuove possibilità, quindi, impegnati a dire “sì” a qualsiasi cosa. Accetta gli inviti, mangia cibi strani, fai un favore a un nuovo amico.

 

Ti connetterai con le persone, sperimenterai cose che non sapevi esistessero e farai scoperte sulla tua nuova cultura e su te stesso.

 

 

4. Crea il tuo spazio

Porta con te qualcosa che possa farti sentire a casa nei “momenti no”. Che siano delle foto, il tuo libro preferito, un portafortuna o un poster, questi oggetti faranno una grande differenza su come ti senti!

 

 

5. Impara la lingua locale

Che tu scelga di trasferirti all’estero per lavoro o per un Gap Year, parlare la lingua del posto dovrà essere il tuo obiettivo principale. Conoscere la lingua locale, infatti, è il modo migliore per comprendere meglio la cultura ma anche per fare amicizia e sentirsi più inclusi.

 

Potresti, ad esempio, frequentare un corso di inglese all’estero Kaplan, in una delle sue 35 scuole nel mondo.

 

 

Adesso che conosci alcune strategie per superare lo shock culturale sei pronto a partire!

Se stai pensando di prenderti un anno sabbatico all’estero e ti piacerebbe andare in USA, Canada, Australia, Regno Unito, Irlanda, Nuova Zelanda o Canada scarica gratuitamente la brochure Kaplan e organizza la tua prossima avventura!

 

Fino al 22 febbraio, oltre alle offerte del momento, in base alla durata del tuo corso, potrai ottenere uno sconto aggiuntivo fino a 500€ sul prezzo del tuo soggiorno studio.

Contatta un consulente per saperne di più.

 

  • 
  •