Magazine

Le 10 cose strane da fare a Roma: una guida alternativa

Redazione

A volte ci dimentichiamo di quanto possono offrire le città che abbiamo proprio qui dietro l’angolo: ecco quindi una guida alternativa alle 10 cose strane da fare a Roma.

 

1. Visita un museo all’interno di una fabbrica

 

 

Hai mai visto delle statue antiche esposte all’interno di un edificio industriale?

E’ possibile farlo al vecchio impianto della Centrale Montemartini, che diventò un museo quando nel 1997 centinaia di sculture furono trasferite qui dal Campidoglio durante una ristrutturazione.

Doveva essere una soluzione temporanea, ma l’idea piacque talmente tanto che divenne una location permanente.

 

Il museo della Centrale Montemartini è aperto dalle 9 alle 19, dal martedì alla domenica.

 

 

2. Fotografa una Piramide Egizia

 

L’egittomania conquistò Roma dopo la conquista dell’Egitto nel 30 a.C. : manufatti originali e copie spuntarono come funghi in giro per la città, e due piramidi furono costruite; oggi però ne rimane soltanto una, la Piramide di Caio Cestio.

Non si conosce l’identità del ricco Romano per cui fu costruita la piramide, che si trova ora di fianco a un’intersezione molto trafficata nel centro di Roma.

La piramide fu ristrutturata nel 1600 e poi nuovamente nel 1999; è l’unica piramide di questo tipo in Europa e ci si può accedere solamente ottenendo un permesso speciale.

 

 

3. Diventa un vero gladiatore

 

Hai mai voluto gridare “Questa è Sparta!” e poi calciare qualcuno in un burrone?

Beh, Sparta è in Grecia, non in Italia, ma qui puoi frequentare la Scuola Gladiatori del Gruppo Storico Romano: puoi provare il loro programma “Gladiatore per un giorno”, che include ovviamente la tunica e i sandali, oppure addirittura iscriverti al loro corso intensivo di 2 mesi!

 

 

4. Fai una gita fuori porta in bicicletta

 

Immaginati un grande parco con prati verdi, pini, e una vecchia strada che conduce a chiese e tombe antiche, acquedotti Romani e rovine. E, un altro punto a favore, pochissima gente intorno.

Sembra un sogno? Allora noleggia una bicicletta e vai al Parco Regionale dell’Appia Antica: uno degli ultimi segreti di Roma, piacevole soprattutto la domenica quando c’è il sole.

 

 

5. Esplora il lato alternativo di Roma

 

Il quartiere di San Lorenzo, che si snoda introno a Piazza Tiburtina, a sud della Stazione Termini, è un quartiere notoriamente hip e studentesco. Qui trovi bar economici pieni di studenti italiani ed Erasmus, gruppi di giovani che si trovano per strada a ridere e bere.

E’ il quartiere dove gli intellettuali e gli artisti si sentono più a casa: alcuni dicono che sia la Camden Town di Roma!

Con la birra Peroni a un euro, hai bisogno veramente di altre scuse?

 

 

6. Stupisciti al Museo Criminologico

 

Se sei appassionato di serie tv tipo CSI o Criminal Minds, non perderti una visita al Museo Criminologico. Questa collezione unica di prigioni, torture e antropologia criminale è aperto al pubblico dal 1994.

Una parte del museo è dedicata ai criminali più noti del 20esimo secolo, e ai metodi giudiziari utilizzati prima del 19esimo secolo (tortura ed esecuzione, tanto per intenderci). Ad esempio, si può trovare la Gabbia di Milazzo, una gabbia dalla forma umana che veniva appesa fuori da un castello con un criminale mutilato all’interno così che tutti potessero vederlo.

Un’altra parte del museo invece mostra i metodi e le pratiche moderne della criminologia.

 

 

7. Circondati di scheletri alla Cripta dei Cappuccini

 

La guida Frommer’s descrive la Cripta dei Cappuccini “una delle più orripilanti immagini di tutta la cristianità”… e come dargli interamente torto.

La Cripta dei Frati Cappuccini ospita infatti le ossa di oltre 4000 frati Cappuccini: i resti sono incollati alle pareti in maniera artistica, e altre ossa pendono dal soffitto per sorreggere le lampadine.

Insomma, da visitare se non si è facilmente impressionabili.

 

 

8. Fai amicizia con decine di gatti al Largo di Torre Argentina

 

A Roma ci sono i gatti più fortunati del mondo: in quale altro posto possono avere un tempio tutto per loro?

Conosciuto come Largo di Torre Argentina, questa meraviglia archeologica fu scoperta solamente nel 1929: oltre a svariati templi, Torre Argentina contiene parte del famoso Teatro di Pompei.

Ma la cosa particolare sono i 250 gatti che vivono all’interno del complesso: appena il sito fu aperto, tanti gatti randagi ci si trasferirono e le gattare iniziarono a occuparsi di loro. Ora un’organizzazione di volontari se ne prende cura.

Il Santuario dei gatti di Torre Argentina è aperto ogni giorno dalle 12 alle 18.

 

 

9. Fatti insultare al ristorante

 

Perchè pagare per farsi insultare? Evidentemente, però, il concetto funziona: la tradizionale osteria romana Cencio la Parolaccia è sempre piena. L’osteria è uno dei posti più assurdi dove andare a mangiare: la cosa particolare è che i camerieri ti insultano in romanesco! Il cibo è delizioso, e il menù comprende tutte le specialità tipiche di Roma quali la trippa e la pajata.

 

 

10. Avventurati nelle catacombe di Roma

 

Avventurarsi nelle catacombe sotterranee di Roma è un’esperienza da non perdere: con i suoi vicoli, cappelle, scale e archi, sembra veramente di camminare in una mini-città sotterranea.

Poche persone sanno che ci sono più di 60 catacombe a Roma, le più famose delle quali sono San Sebastiano, San Callisto, Domitilla e Priscilla. La maggior parte delle catacombe venivano utilizzate inizialmente per sepolture pagane, e poi in seguito da cristiani.

Svariati tour operator organizzano tour nelle catacombe di Villa Torlonia e Vigna Randanini, le uniche due che sono aperte al pubblico.

 

 


  •