Magazine

La storia di Ravi: quando cucinare fa rima con viaggiare

cucinare è viaggiare ravi vizeat
Redazione

L’esperienza di Ravi: italiano che lavora a Barcellona come architetto, ma anche come chef.

 

Molti amano cucinare, qualcuno riesce a trasformare questa passione in una professione. E’ il caso di Ravi, romano d’origine, ha vissuto nella capitale italiana fino al 2010.

 

Viaggiare e scoprire nuovi sapori e tradizioni è la mia passione”. E cosi viaggiando, assaggiando e sperimentando in cucina, è nata l’idea: trasformare la propria casa in un ristorante e provare a diventare chef di (seconda) professione.

 

cucinare è viaggiare ravi vizeat

 

Grazie a VizEat, Ravi ha fatto si che la sua tavola diventasse un punto d’incontro intorno al cibo. Così, nel centro di Barcellona, è possibile ad esempio partecipare all’evento “cenare con marcopolo” , per gustare le prelibate sperimentazioni di Ravi.

 

La curiosità del viaggiatore in cucina

cucinare viaggiare ravi vizeat

 

Dai tarallucci con la crema di zucchine piccante, al riso basmati con fiori di banano aromatizzati al curry, si può provare veramente di tutto. Dimenticate quindi il classico cuoco italiano legato solo alle tradizioni del belpaese.

 

“Molti miei piatti forti sono stati ispirati dagli odori e colori della cucina asiatica, specie quella del Sud Est. Poi c’è la cucina regionale italiana che offre mille spunti diversi. In generale, mi piace organizzare il menu delle cene con piatti legati alla tradizione di diverse parti del mondo, come se cucinare e poi mangiare fossero parti diverse dello stesso viaggio”.

 

Il cuoco architetto 

 

Da tre anni ormai, Ravi, che di giorno fa l’architetto, di sera si trasforma in chef casalingo.

 

Grazie alle possibilità offerte dalla rete è possibile combinare due lavori e due passioni, con più facilità di una volta.

E così, cena dopo cena, si è ritrovato la casa attraversata da centinaia di persone da tutto il mondo. Ognuno di questi ospiti non si comporta come i clienti ordinari di un ristorante.

 

cucinare viaggiare ravi vizeat

 

Ravi riceve spesso regali e, soprattutto, ama cucinare per i suoi clienti e divertirsi con loro.

 

Rispetto a come ci comportiamo in un ristorante, quando si mangia a casa di qualcuno non si cena o si pranza semplicemente.

Piuttosto, si vive un’esperienza del gusto che è principalmente socialità.

 

Ravi ha organizzato cene di raccolta fondi (anche per il recente terremoto delle Marche), ha avuto clienti che hanno scelto la sua dimora e la sua cucina come luogo per proposte di matrimonio o ricevimenti.

Insomma, una volta aperte le porte di casa e accesi i fornelli, può succedere di tutto.

 

A casa di “chef domestici” come Ravi, si conoscono persone nuove, magari provenienti da tutto il mondo, si provano specialità uniche a prezzi ragionevoli e, soprattutto, ci si sente a casa.

 

Ricetta di copertina: Egg hoppers (Aappa) dallo Sri Lanka

 

Foto tratte da “dining with marco polo” e dalla pagina Facebook ufficiale di Ravi

 

 

  •