Magazine

Le migliori città da visitare in Spagna nel 2018

Redazione




Paella, sangria, spiagge meravigliose, movida in ogni dove. Ecco le migliori città da visitare in Spagna nel 2018.

 

Oltre Madrid e Barcellona c’è ancora molto da scoprire in Spagna. Ci sono feste tradizionali ricche di storia e cultura che danno la possibilità di viaggiare indietro nel tempo.

Dalle corse dei tori a cammini spirituali, la Spagna ha tantissimo da offrire. E’ un paese ricco di arte, piazze ammalianti e anche ottimo cibo.

Ecco le migliori città da visitare in Spagna nel 2018, per spaziare e andare oltre le solite capitali europee.

 

 

1. Toledo

 

Toledo si presenta ancora come città imperiale, situata sulla cima di una montagna nella Spagna centrale.
Affascina i visitatori con il suo stile, che abbraccia diverse culture. Per secoli la città ha accolto ebrei, cristiani e musulmani, per queste è anche chiamata ”Città delle tre culture”.

La cosa migliore da fare a Toledo è perdersi nelle sue strade medievali.

 

 

2. Santiago de Campostela

 

Santiago de Campostela è la capitale della regione della Galizia, nella Spagna nordoccidentale, è famosa come meta finale del tradizionale pellegrinaggio noto come Camino de Santiago.

Questo pellegrinaggio è importante per molti cristiani, è viene percorso sin dal Medioevo per raggiungere il Santuario di Santiago de Campostela.

Oggi il cammino è diventato un fenomeno mondiale ed una esperienza da fare almeno una volta nella vita.

 

 

3. Valencia

 

Valencia è conosciuta soprattutto per la Città delle arti e delle scienze, un complesso architettonico davvero affascinante.

Ogni marzo Valencia ospita il Fallas Festival, in cui ogni quartiere espone figure di cartapesta di ogni dimensione e colore.

Alla fine della settimana, le figure vengono bruciate cerimoniosamente, e le comunità festeggiano durante la notte.

 

 

4. Granada

 

Situata alla base delle montagne della Sierra Nevada, nel sud della Spagna, Granada offre una miscela perfetta di culture tradizionali.

Una vivace vita notturna e attrazioni spettacolari tra cui la famosa Alhambra, un pezzo di arte moresca che racchiude la storia andalusa.

Questo complesso medievale che domina Granada è uno dei grandi monumenti architettonici d’Europa.

L’ultima fortezza moresca in Europa, l’Alhambra offre al visitatore splendide architetture ornamentali, giardini spettacolari e rigogliosi, cascate e gocciolanti giochi d’acqua e viste mozzafiato sulla città sottostante.

 

 

5. Pamplona

 

Le migliori città da visitare in Spagna nel 2018 c’è Pamplona. Ogni anno Pamplona festeggia la festa di San Fermin, qualcosa che vi potrà vagamente ricordare il Palio di Siena, ma un po’ più rosso.

L’attività più famosa dei Sanfermines è l’“Encierro”, che consiste in una corsa di circa 800 metri davanti ai tori, che ha come punto di arrivo la plaza de toros.

Partecipare direttamente sarà pericoloso, ma assistere da un balcone è sicuramente un’esperienza indimenticabile.

 

 

6. Bilbao

 

L’attrazione più famosa di Bilbao, è il museo Guggenheim, che ha celebrato il suo ventesimo anniversario nell’ottobre di quest’anno.

Per l’occasione, ospiterà una serie di mostre ed eventi durante tutto l’anno per coinvolgere la comunità locale e artistica e invogliare ancora più visitatori globali.

Mentre visitando Bilbao in agosto è possibile partecipare al suo annuale Semana Grande Festival – nove giorni pieni di eventi culturali baschi come la danza, il canto, il teatro, gli sport rurali e le sfilate.

 

7. Siviglia

 

Le attrazioni turistiche eccezionali, i festival e la vivace vita notturna fanno di Siviglia uno dei migliori posti da visitare in Spagna.

Come capitale dell’Andalusia, Siviglia è anche la capitale finanziaria e culturale della regione. La città è sede di molti monumenti storici belli e importanti, il principale dei quali è la grande cattedrale di Siviglia, dove si crede che Cristoforo Colombo sia sepolto.

E’ inserita nelle migliori città da visitare in Spagna nel 2018, ma è un evergreen, sempre da visitare se si passa in Andalusia.

 

 

 

Fonte: theculturetrip, touropia

 

 

 

 

 


  • comments powered by Disqus