Studio

Corso di Alta Formazione gratuito e stage per diventare un Esperto in Marketing e Comunicazione Agroalimentare

Redazione




Al via il Corso di Alta Formazione gratuito per diventare un Esperto in Marketing e Comunicazione nel settore Agroalimentare per il conseguimento del Diploma di Tecnico superiore per il controllo, la valorizzazione ed il marketing delle produzioni agrarie, agroalimentari e agroindustriali

 

Dove: Roma

Durata: 1.800 ore per un totale di 2 anni, di cui 6 mesi di stage in aziende nazionali e internazionali.

Periodo: a  partire dal 30 Ottobre 2017

Destinatari: 25 allievi

 

Descrizione del corso

Il Corso biennale di Alta Formazione Tecnica – finanziato dal Ministero dell’Istruzione (Miur) e dalla Regione Lazio – rientra nell’area “Nuove Tecnologie per il Made in Italy” ed è finalizzato alla formazione di una figura professionale in grado di lavorare nel settore agroalimentare con il ruolo manageriale.

 

Destinatari 

I destinatari del corso sono:

  • diplomati, disoccupati e studenti universitari.
  • Costituirà titolo preferenziale una buona conoscenza della lingua inglese
  • Costituirà titolo preferenziale avere competenze informatiche

 

 

Descrizione del programma

Il corso di alta specializzazione post-diploma, completamente gratuito, ha una durata di 1.800 ore per un totale di 2 anni, di cui 6 mesi di stage in aziende nazionali e internazionali.
Il corso si svolgerà tre volte a settimana a partire dal 30 Ottobre 2017.

La sede del Corso è a Roma, in via Ardeatina 524 presso l’“Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Garibaldi”. Roma.

 

Maggiori informazioni

Per ulteriori informazioni inviare una mail all’indirizzo [email protected] o telefonare al +39 392-8302682 o consultare il sito www.itsagro.it

 

Guida alla candidatura

La domanda di iscrizione al corso dovrà essere presentata utilizzando l’apposito modello pubblicato e scaricabile dal sito www.itsagro.it compilata, sottoscritta e corredata dai documenti richiesti.

 

Scadenza

25 Ottobre 2017

 

 

 


  • comments powered by Disqus