Volontariato

Campogiovani 2018 con la Marina Militare da giugno a settembre

Redazione

Se sei uno studente universitario o delle scuole superiori tra i 15 e 22 anni candidati per questo Campogiovani 2018 con la Marina Militare e vivi almeno una settimana di avventura alla scoperta del mondo del mare

 

Descrizione dell’offerta

Da giugno a settembre, il Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale, in collaborazione con la Marina Militare organizza la decima edizione di Campogiovani. I candidati avranno la possibilità di vivere una settimana immersi nella cultura del mare partecipando ad attività tese alla salvaguardia e protezione dell’ambiente marino.

 

Attività previste

Campogiovani vuol dire una settimana da protagonisti in difesa dell’ambiente, in aiuto alla popolazione, al servizio dell’Italia. Dieci giorni al timone di una barca a vela, con la guida e i consigli degli istruttori specializzati della Marina. I corsi velici, della durata di 10 giorni, sono riservati a 300 studenti delle scuole medie superiori.

Attraverso il progetto potrai, inoltre, apprendere nozioni utili, fare amicizia, conoscere persone straordinarie, scoprire attitudini e soddisfare la propria voglia di impegno civile.

 

Requisiti richiesti

  • Essere residenti in Italia
  • Frequentare istituti scolastici superiori o essere iscritti ai primi anni del ciclo universitario
  • Essere nati negli anni 2001, 2002 e 2003 per i corsi della Marina Militare

 

La graduatoria di coloro che potranno prendere parte ai campi estivi si forma in base a criteri dimerito scolastico e, in caso di parità, all’lsee più basso che sarà richiesto in caso di necessità.

 

Condizioni economiche

I corsi sono tutti gratuiti, hanno una durata minima settimanale, e possono avere una durata maggiore a seconda dell’istituzione presso cui si svolgono.

 

 

Guida alla candidatura

Per conoscere meglio l’offerta e scoprire come candidarsi, consultare il BANDO PER LA MARINA MILITARE.

 

Scadenza

8 giugno 2018 per la Marina Militare

 

 

 

  • comments powered by Disqus